Dissequestrata la piscina. Piro: “La apriremo al pubblico”


piscinall palazzetto dello sport e la piscina comunale di Cattolica Eraclea sono stati dissequestrati dalla Procura della Repubblica di Agrigento, il provvedimento è del Gip Alfonso Malato. Le due strutture sportive erano state sottoposte a sequestro nell’ambito di un’indagine della magistratura sul collaudo e l’affidamento dell’opera. 

 

Si tratta di due opere pubbliche già complete, mai inaugurate, site in contrada Zubbia, che l'ex sindaco di Cattolica Eraclea, Nino Aquilino, dopo anni di abbandono, aveva tentato di far funzionare, ma un’indagine della magistratura ne fece scattare il sequestro. Il sindaco Cosimo Piro, peraltro già sindaco nel 1990 quando fu realizzata l’opera, ne ha chiesto il dissequestro, anche lui vuole provare a far funzionare la piscina e il palazzetto dello sport: “non so quando, ma ci proverò, è una risorsa per il paese”, ripete il primo cittadino.  “Proprio stamattina la Guardia di Finanza ci ha consegnato le chiavi delle strutture – dice il sindaco Piro – mi piacerebbe poterle aprire al pubblico al più presto, anche se so che è molto difficile. Intanto – spiega Piro – mi attiverò sin da subito a far realizzare il progetto di pavimentazione del palazzetto dello sport, e sto pensando anche al progetto di un impianto fotovoltaico per la piscina, in modo da ammortizzare i costi del riscaldamento dell’acqua. Poi, per la gestione della piscina, dovremmo stipulare una convenzione con i comuni limitrofi e le scuole, altrimenti i costi sarebbero insostenibili”.   

 Un video divertente e tagliente sulla piscina di Cattolica Eraclea realizzato da Alberto Caggegi e Giuseppe Trapani, pubblicato su www.RadioEraclea.splinder.com

f