Nell’agrigentino dieci “Sindaci per la Pace”


pace

Dieci sindaci dell’agrigentino hanno ricevuto un riconoscimento per aver aderito all’iniziativa "Mayors for peace", l’organizzazione che si batte per il disarmo nucleare formata dai primi cittadini di tutto il mondo. I sindaci hanno ricevuto una pergamena simbolica perché i comuni che rappresentano avevano formalmente aderito, nel 1982, all’iniziativa promossa dal sindaco di Hiroshima che ha dato vita al progetto.

Ecco i dieci sindaci della provincia di Agrigento, che adesso, secondo quanto prevede il programma di azione globale di “Mayor for peace” (sindaci per la pace) dovrebbero promuovere incontri o eventi dedicati alla causa del disarmo nucleare e alla pace nel mondo:. Giovanni Oliveri, sindaco Lucca Sicula, Gioacchino Guddemi, Calamonaci; Angelo Casciá, Camastra; Vito Mangiapane, Cammarata; Vincenzo Corbo, Canicatti; Alfonso Sapia, Casteltermini; Silvio Cuffaro, Raffadali; Cosimo Piro, Cattolica Eraclea; Angelo Biondi Licata e Giuseppe Farruggia, sindaco Realmonte. L’iniziativa “Mayors for peace" si prefigge di facilitare la collaborazione e il coordinamento tra le città che sostengono il progetto di un'abolizione totale delle armi nucleari. "Mayors for peace" è anche formalmente impegnata nel perseguire una duratura pace mondiale con un'opera di denuncia e di intervento in caso di carestie, povertà, accoglienza di rifugiati, abusi nei diritti umani, crimini ecologici e in ogni altro caso che metta in crisi la pacifica coesistenza tra i popoli.