Allarme erosione. “Gli alberi cadono come i birilli del bowling”

erosione

Ecco la lettera che il sindaco di Cattolica Eraclea ha inviato agli uffici di competenza, regionali e nazionali, per sollecitare interventi urgenti per l’erosione costiera di Eraclea Minoa. Colgo l'occasione anche per precisare ai lettori che le immagini della simulazione grezza delle barriere frangflutti ad Eraclea Minoa, messe a corredo dell'intervento del geologo Nicola Messina, sono opera mia e non si tratta di foto a carattere tecnico.

La spiaggia meravigliosa di Eraclea Minoa, che ha visto l’approdo di Minosse alla ricerca di Dedalo e che è stata la base navale dei Cartaginesi nel corso delle guerre puniche, rischia di scomparire inghiottita dalla mareggiate. Con essa rischia di scomparire la fascia boschiva che corre longitudinalmente lungo la costa. L’erosione avanza giornalmente provocando danni ingenti agli stabilimenti balneari che per la terza volta, nell’ultimo decennio, rischiano la distruzione.

Il mare rischia d’invadere anche il terreno in cui insiste il villaggio turistico, posto ad una quota inferiore, e minaccia l’abitati di Eraclea Minoa a ridosso della fascia boschiva. Gli alberi erosi dalle mareggiate continuano a cadere come birilli in un campo da bowling. L’equilibrio del sito, ricco di storia e di pregevoli ed importantissimi valori ambientali, è stato stravolto e una delle più belle aree paesistiche italiane rischia di essere cancellata definitivamente. Le mareggiate, tra l’altro, hanno eroso le basi della falesia del costone di marna rocciosa (importante anche per l’unicità e singolarità geologica mondiale) provocando frane diffuse che minacciano la perdita di parte dell’antica città di Eraclea Minoa.
Premesso che l’Osservatorio nazionale per l’erosione costiera ha dichiarato spiaggia ad alto rischio la spiaggia di Eraclea Minoa;
– che la giunta regionale con deliberazione n. 57 del 06/03/2003 ha dichiarato lo stato di calamità per l’erosione della costa cattolicese;
– che con delibera n. 58 del 06/03/2003 ha dichiarato anche lo stato di emergenza;
– che a fronte di tali provvedimenti e dello stato grave e pericoloso per l’incolumità pubblica in cui versa il sito eroso dalla continue mareggiate che minacciano gli stabilimenti balneari, il villaggio turistico, l’abitato di Eraclea Minoa e la stabilità del costone roccioso su cui si sviluppa la città antica di Eraclea Minoa, gli Enti preposti interessati in passato non si sono adoperati a mettere in atto interveti a salvaguardia del sito.
Per quanto premesso ad al fine di scongiurare ulteriori gravi danni al patrimonio paesistico ed archeologico, agli stabilimenti balneari, più volte distrutti nel passato, al villaggio turistico ed all’abitato ed al fine di salvaguardare l’incolumità pubblica si chiede:

1-       un intervento si somma urgenza a salvaguardia degli stabilimenti balneari e del villaggio turistico;

2-   il finanziamento del progetto per il consolidamento del costone e la sistemazione dell’area litoranea a salvaguardia della zona archeologica e dell’abitato di Eraclea Minoa giacente da tempo presso l’Assessorato Regionale al Territorio e Ambiente.

Cosimo Piro

Sindaco di Cattolica Eraclea