AMBIENTE. Moria d’uccelli lungo le coste agrigentine, denuncia alla procura

19 seagulls...and 1 surfer... di gardawind .flickr.com/Un esposto alla procura della repubblica di Agrigento sulla moria dovuta a fenomeni di avvelenamento e inquinamento di fauna selvatica lungo le coste agrigentine è stato presentato da Gian J Morici, presidente dell'Associazione Protezione Ambientale FREE. Segue il comunicato stampa.


Nei giorni scorsi è stato più volte segnalato nella nostra provincia, il rinvenimento di esemplari di fauna selvatica (prevalentemente gabbiani) morti o in gravi condizioni di salute. Sembrerebbe appurato, almeno per i casi riguardanti Sciacca, che tale moria, sarebbe stata causata da avvelenamento, dovuto all’utilizzo di esche avvelenate, poste in diverse località, allo scopo di eliminare alcuni cani randagi.

Da qualche giorno a questa parte, giungono sempre più numerose le segnalazioni di gabbiani avvelenati, rinvenuti lungo le coste agrigentine, prevalentemente in territorio di Siculiana, in zona Torre Salsa. In territorio di Siculiana si trova inoltre ubicata una discarica che, meta preferita dai gabbiani che in essa trovano di che alimentarsi, è stata utilizzata anche per lo stoccaggio dei rifiuti provenienti dalla Campania, a seguito dell’emergenza venutasi a creare nella regione. Secondo quanto riportato da fonti giornalistiche, parte dei rifiuti campani, così come appurato per la discarica di Pianura, avrebbero potuto contenere sostanze pericolose e nocive.

Ritenendo opportuno che vengano accertate le cause della moria di uccelli, è stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Agrigento e all’ASL, affinché, oltre ad appurare l’origine dell’avvelenamento e a perseguire penalmente gli eventuali responsabili, si voglia evitare di esporre la popolazione, in particolare i bambini, a inutili rischi per la loro salute.

Associazione Protezione Ambientale FREE. Segue il comunicato stampa

Il presidente Gian J Morici