Mafia, il boss Leoluca Bagarella vuole pagato l’avvocato dallo Stato

http://tbn0.google.com/images?q=tbn:CFUb-wPTG3gKBM:http://www.guidasicilia.it/foto/news/personaggi/leoluca_bagarella_N.jpgIl boss mafioso Leouluca Bagarella, pluricondannato all'ergastolo, insiste nel chiedere allo Stato di essere ammesso al patrocinio gratuito, a spese dell'erario, sostenendo di essere nullatenente.


Bagarella, cognato del capo dei capi di Cosa Nostra Totò Riina, ha presentato ricorso in Cassazione contro il decreto con il quale la Corte d'Appello di Palermo, il 21 febbraio 2006, gli aveva revocato il diritto ad essere difeso a spese dei contribuenti. La suprema Corte ha inviato, per competenza, al presidente della Corte d'Assise e d'Appello di Palermo il reclamo del boss che sostiene di non avere soldi per difendersi nei processi.

I commenti sono chiusi