RACKET. Intimidazione a Catanzaro, gli investigatori battono la “pista siculianese”

http://www.ilgiornalista.unisa.it/territorio/campania/14052008_usurai/polizia.jpgIndagini serrate, da parte degli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Agrigento, per dare un volto e un nome agli autori dell'intimidazione perpetrata al presidente provinciale nonché vicepresidente regionale di Confindustria, Giuseppe Catanzaro.

 

In queste ore si sta lavorando su più fronti. Intanto si sta battendo la cosiddetta "pista siculianese", alla luce del fatto che il crocifisso fatto trovare dai malviventi davanti l'ingresso dell'azienda di Catanzaro è il Cristo nero di Siculiana. Particolare, questo, per niente secondario. Poi si stanno visionando i filmati registrati dall'impianto di videosorveglianza dell'Asi e dell'azienda Catanzaro. Intanto, continuano ad arrivare attestati di stima e solidarietà da tutti i fronti per la vittima dell'intimidazione.

Da: www.agigentoflash.it

http://www.ignaziocutro.com/ic01/wp-content/uploads/2008/09/bannerignaziocutro.jpg