POLITICA. Consiglio provinciale, avviata la discussione sull’edilizia scolastica

http://www.agrigentoflash.it/assets/0001/1145/C_0988_resize.jpgDue i punti discussi dal Consiglio provinciale nella seduta di ieri sera.

Il primo punto riguarda il dibattito sull’edilizia scolastica, il secondo punto la mozione sull’utilizzo del parcheggio interno. All’inizio dei lavori il Presidente del Consiglio Provinciale Raimondo Buscemi ha proposto un consiglio ordinario sull’Ato idrico. Buscemi ha proposto di convocare per il 20 febbraio alle ore 18:00 un apposito consiglio ordinario anziché convocare un Consiglio straordinario. La proposta è stata accettata dall’aula che però ha spostato la data al 17 febbraio sempre alle ore 18:00. Il Consiglio ha anche osservato un minuto di silenzio per ricordare Eluana Englaro su proposta del consigliere Ivan Paci.

I lavori sono proseguiti con l’intervento del presidente della Provincia Eugenio D’Orsi il quale ha chiarito che la direttiva sui contatti con i capigruppo e i consiglieri ai quali è dedicato un apposito spazio è stata emanata per razionalizzare i contatti con il Consiglio dare un calendario certo ai consiglieri e capi gruppo ferma restando la disponibilità ad ascoltare i singoli consiglieri in qualsiasi circostanza fuori dagli incontri calendarizzati. Il presidente D’Orsi ha ribadito la volontà di aprire la scala reale e spostare l’ubicazione degli uffici del Presidente del Consiglio Provinciale, informando inoltre il Consiglio della decisone di utilizzare i 4,2 milioni di euro precedentemente destinati a Bivona per alloggi studenti per la costruzione della Mari Monti Ribera-San Giovanni Gemini SS.189. Sulla utilizzazione di tecnici esterni D’Orsi ha informato di avere allargato la base degli elenchi in modo da garantire la massima trasparenza e legalità. D’Orsi concludendo ha informato il Consiglio di avere fissato un incontro con la deputazione regionale e nazionale per discutere di finanziamenti europei e fondi da reperire per avviare nuove opere e nuovi lavori in provincia di Agrigento. Per questo incontro D’Orsi ha chiesto la partecipazione dei capigruppo Consiliari all’incontro. Sulle comunicazioni del Presidente sono intervenuti il consigliere Montaperto e il Consigliere Gioacchino Zarbo che hanno espresso apprezzamento per le parole del Presidente D’Orsi. Zarbo ha ricordato l’inadeguatezza dei locali a disposizione dei gruppi consiliari. Anche il consigliere Ezio Di Prima ha espresso il suo plauso per l’utilizzo dei 4,2 milioni di euro per costruire la Mare-Monti. Dopo gli interventi di Avarello e Camilleri è stata votata la proposta di sospensione dei lavori, proposta rigettata perché in aula erano presenti solo 16 consiglieri su 35. Vista la mancanza del numero legale i lavori sono stati rinviati di un’ora.

Alla ripresa dei lavori ha preso la parola il consigliere Spoto parlando della situazione dell’edilizia scolastica. Spoto ha chiesto di conoscere le risorse economiche necessarie per adeguare gli istituti scolastici di competenza della Provincia e renderle sicure. Spoto vuole conoscere quali scuole hanno bisogno di manutenzione ordinaria e quali necessitano di un intervento straordinario.

Il consigliere Ivan Paci ha chiesto di fare un elenco completo sulla situazione degli edifici scolastici. Sull’argomento ha preso la parola il Direttore Generale Giuseppe Vella il quale ha ricordato come l’Assessore Gaetano Cani e l’ing. Gaetano Gucciardo hanno affrontato la situazione dell’edilizia scolastica, ma la possibilità degli interventi è limitata all’osservanza del patto di stabilità. Roberto Gallo ha ricordato che la Province hanno tra le loro poche competenze quelle sull’edilizia scolastica. Malgrado la mannaia del patto di stabilità invita il Consiglio e la Giunta a reperire i fondi per la manutenzione degli immobili e per la costruzione di nuovi edifici evitando il pagamento di affitti. Anche Lazzano ha richiesto un intervento sul bilancio provinciale per reperire nuovi fondi. L’assessore Ciulla ha ribadito l’impegno dell’Amministrazione in favore di interventi mirati sull’edilizia scolastica e per la costruzione di nuove infrastrutture.

Conclusa la discussione sull’edilizia scolastica il Presidente Buscemi ha dato la parola al consigliere Nicola Testone il quale ha illustrato la mozione sul regolamento per l’accesso all’interno del parcheggio della Provincia. Testone ha ricordato come il Consiglio ha piena competenza sui regolamenti e la vicenda del parcheggio è emblematica. Testone ha chiesto l’osservanza del regolamento tuttora vigente e di ridare l’accesso a chi ne aveva diritto. Sullo stesso argomento sono intervenuti i Consiglieri Daniele Camilleri, Luigi Sutera Sardo e Nino Spoto i quali a vario titolo hanno ricordato come i consiglieri sono costretti a trovare parcheggio in maniera difficoltosa limitando quindi di fatto la possibilità di potere essere presenti nel svolgere il loro mandato.

Per Ezio Di Prima le competenze del Consiglio sono state violate, per cui ha condiviso la mozione del consigliere Testone. Una riorganizzazione del parcheggio nelle more dell’adozione di un nuovo regolamento è stata chiesta dal consigliere Testone. Il Consiglio ha approvato la mozione all’unanimità. Al termine del dibattito è stato chiesto il rinvio della seduta al 17 febbraio, approvato dal Consiglio con il voto contrario del consigliere Roberto Gallo. Nella prossima seduta saranno discusse dieci delibere di debiti fuori bilancio a seguito di sentenze della magistratura, l’ ordine del giorno dei consiglieri Spoto e Avarello sulla privatizzazione dell’acqua e l’ordine del giorno dei consiglieri Spoto e Avarello sull’emergenza immigrazione a Lampedusa.