IMMIGRAZIONE. Caso Pinar: “Agli immigrati sia garantito diritto d’asilo”

gli immigrati sul pinar sbarcano a porto empedocle - foto schicchi I Laici Comboniani di Agrigento esprimono compiacimento per aver consentito l’accesso a Porto Empedocle.

Dopo aver seguito con preoccupazione la vicenda legata alla sorte dei migranti salvati dalla nave “Pinar” che da alcuni giorni era bloccata in acque internazionali al largo di Lampedusa, con a bordo 154 persone, e partecipato al sit-in di solidarietà davanti la Prefettura di Agrigento lo scorso 19 aprile, i Laici Comboniani di Agrigento esprimono compiacimento per aver consentito l’accesso in territorio italiano.

“Si dà atto alle Istituzioni di essersi adoperate con senso di responsabilità e di aver evitato che i migranti oltre che vittime del naufragio non diventassero anche vittime dell’impasse diplomatica fra Italia e Malta, e si rivolge loro un appello affinché agli immigrati già sbarcati a Porto Empedocle, sia garantito il diritto d’asilo”.