POLITICA. Riprendono i lavori del Consiglio provinciale di Agrigento

il prefetto in aula gigliaRiprendono stasera i lavori del Consiglio provinciale dopo il rinvio per abbandono dell’aula dei consiglieri.

La seduta di ieri sera era iniziata con le comunicazioni del presidente che aveva informato il Consiglio sulla integrazione dell’ordine del giorno con tre nuovi argomenti: le variazioni del bilancio di previsione 2009, l’interrogazione sulla sospensione dell’aliscafo per Linosa e Lampedusa e il regolamento del Palazzetto dello Sport di Racalmuto.

Il presidente Buscemi ha quindi letto una missiva del presidente D’Orsi sulla presunta assenza della Giunta in occasione della discussione delle interrogazioni. Il consigliere Avarello ha stigmatizzato l’assenza in aula della Giunta abbandonando l’aula. Anche i consiglieri del PD Giglione e Girasole hanno abbandonato l’aula. Il Presidente Buscemi dopo avere accertato la mancanza del numero legale ha rinviato i lavori di un’ora.

Alla ripresa dei lavori erano presenti il presidente D’Orsi e numerosi Assessori. Il Consigliere Avarello ha letto un documento di condanna dell’atteggiamento della Giunta durante i lavori del Consiglio.  Ha quindi chiesto di parlare il consigliere Orazio Guarraci il quale ha riproposto il problema dei parcheggi per i consiglieri provinciali che non possono utilizzare il parcheggio della Provincia e che spesso non riescono ad arrivare in tempo per i lavori del Consiglio. Il Consigliere Guarraci ha posto il problema del ruolo istituzionale e della dignità dei consiglieri che viene mortificata dalla impossibilità di usare il parcheggio provinciale. Guarraci ha quindi chiesto l’intervento del presidente D’Orsi per risolvere il problema dichiarando di abbandonare l’aula per protesta.

Sullo stesso argomento ha preso la parola il consigliere Daniele Cammilleri che ha chiesto di ridare l’opportunità ai consiglieri di usufruire del parcheggio della provincia. Cammilleri ha anche richiesto una presenza più costante della Giunta ai lavori del Consiglio. Dello stesso tenore l’intervento del consigliere Roberto Gallo che ha richiesto un rapporto più attivo tra Consiglio e Amministrazione.

 

Per il presidente Eugenio D’Orsi non c’è stata nessuna mancanza di rispetto nei confronti del Consiglio circa la presunta assenza della Giunta ai lavori del Consiglio. D’Orsi, non condividendo le lamentele dei consiglieri, ha chiesto una verifica della presenza sulla base dei verbali del Consiglio. Ha, anche, ricordato come tra le interrogazioni presentate dai Consiglieri bisogna fare una distinzione tra quelle tecniche a cui rispondono i dirigenti dei vari settori e quelle politiche di esclusiva competenza della Giunta e del presidente.  Per la situazione del parcheggio il Presidente D’Orsi ha ricordato come siano passati cinque mesi, senza una risposta, dalla richiesta al Comune di Agrigento per avere dei posti riservati nei parcheggi comunali. Sull’utilizzo del parcheggio della Provincia D’Orsi ha chiesto un incontro con il Prefetto per definire la vicenda parcheggi. Dopo l’intervento del presidente D’Orsi i Consiglieri hanno abbandonato l’aula. Il consigliere Spoto prima di uscire ha chiesto la verifica del numero legale. Dall’appello sono risultati presenti solo 4 consiglieri ed i lavori sono stati aggiornati a stasera. L’ ordine del giorno prevede la discussione di trentacinque punti. Al primo punto dei lavori l’interrogazione del consigliere Cammilleri sulla pulizia delle spiagge seguita da quella di Roberto Gallo sul risparmio energetico. Prevista la discussione di 14 riconoscimenti di debiti fuori bilancio a seguito di sentenze della magistratura.