POLIZIOTTI. La Uilps denuncia il questore di Agrigento Girolamo Di Fazio e la stampa

poliziaIn meno di due anni il questore di Agrigento, Girolamo Di Fazio, ha trasferito centinaia di poliziotti da un ufficio ad un altro senza alcuna legittima motivazione.

In questo modo sono stati mortificati ingiustamente degli onesti ed operosi poliziotti senza, tra l’altro, alcun vantaggio per la funzionalità complessiva della Polizia di Stato nella provincia di Agrigento.

Lo sostiene la Uilps, il sindacato dei poliziotti, con un comunicato del segretario nazionale Antonino Alletto. Esprimiamo ai nostri colleghi la nostra più totale vicinanza per i provvedimenti di trasferimento che stanno subendo senza alcuna ragione plausibile. La mobilità del personale della Polizia di Stato è regolamentata da nome ben precise che il Questore di Agrigento dovrebbe conoscere e rispettare.

di fazio sulla lamborghini della polizia, foto agrigentnotizieRiteniamo – sostiene Alletto -che l’atteggiamento repressivo assunto dal Questore di Agrigento non possa trovare in alcun modo la complicità della Uilps che in questa Provincia rappresenta la stragrande maggioranza dei Poliziotti. il Questore ha dei precisi doveri nei confronti dei propri sottoposti.

Questo atteggiamento inconsulto che lede gli operatori di Polizia e le rispettive famiglie – denuncia – ci costringe a riprendere la strada delle rivendicazioni pubbliche. Alcuni importanti organi di informazione hanno deciso di oscurare la voce dei Poliziotti. In uno stato democratico, quale è il nostro, è un atto grave ed irresponsabile, per tale ragione la nostra protesta interesserà gli organi competenti per ripristinare un diritto inviolabile.

Non escludiamo dei sit-in di sensibilizzazione nelle adiacenze delle redazioni giornalistiche che hanno deciso di soffocare le istanze dei lavoratori di Polizia enfatizzando le notizie dell’attuale Amministrazione periferica. Il nostro ringraziamento a tutti quei giornalisti che sposando appieno la libertà di stampa hanno già fatto pervenire la loro più ampia disponibilità.