25APRILE. Cisl di Agrigento: “Giorno di unità, democrazia e valori”

“Al fine di evitare sterili polemiche e poco costruttive, nella giornata del 25 Aprile, la Cisl di Agrigento ha preferito rimanere in silenzio, ma alla luce dei fatti sentiamo il dovere di dire la nostra.

La festa del 25 aprile è la festa della liberazione ma sopratutto è il giorno della memoria, giorno fondante della nostra democrazia costata la vita a migliaia di partigiani ma anche a tanti italiani, che in silenzio, con il sacrificio anche della vita, hanno combattuto contro la tirannia, la guerra e la povertà.Il 25 aprile purtroppo in questi ultimi anni come spesso accade in un periodo di decadimento dei valori, della unità, della democrazia, dei ricordi, ma anche di una crisi devastante, ha riscontrato una organizzazione che non onora né i nostri padri né i nostri caduti e che ha purtroppo riscontrato  una presenza delle istituzioni e della collettività sempre più scarsa.Riteniamo la storia e la memoria, valori cruciali per non dimenticare le innumerevoli vicissitudini che hanno portato il paese all’unità e alla democrazia, ed in questo momento, anche storico, il ritorno ai valori, alla responsabilità, allo stare insieme, ed essere propositivi, avrebbe dovuto mettere da parte le diversità di colore, di bandiera e di appartenenza politica.Ci auguriamo che l’anno venturo insieme si possa ricordare il 25 aprile come giornata di libertà di condivisione, ma sopratutto giorno della memoria dei caduti di tutte le guerre”.