IMMIGRAZIONE. Ad Agrigento manifestazione contro i respingimenti in Libia

foto di © Lillo Rizzo - flickr.com“Io non respingo” il titolo dell’iniziativa promossa ad Agrigento.

In concomitanza della visita in Italia del leader libico Gheddafi, così come in varie altre città d’Italia anche ad Agrigento si svolgerà domani 10 giugno, dalle ore 19 alle 21,30, la manifestazione “Io non respingo”, che intende sensibilizzare sulla condizione degli immigrati ed a quale destino vanno incontro quanti di loro vengono respinti verso la Libia.

Durante l’appuntamento verranno raccolte delle firme in cui si chiede al Parlamento Italiano, al Parlamento Europeo, alla Commissione Europea, all’UNCHR, di promuovere una commissione di inchiesta internazionale e indipendente, sulle modalità di controllo dei flussi migratori in Libia in seguito agli accordi bilaterali con il Governo Italiano; di avviare rapidamente, vista l’emergenza della situazione, una missione internazionale umanitaria in Libia per verificare la condizione delle persone detenute nelle carceri e nei centri di detenzione per stranieri.

La manifestazione prevede il concentramento davanti alla Prefettura e che il corteo vada dalla Prefettura a Porta di Ponte, dove verrà allestito il tavolo per la raccolta delle firme, illustrata l’iniziativa, raccontate testimonianze, lette poesie e documenti, eseguiti brani musicali.

All’iniziativa, lanciata da Fortress Europe ed organizzata localmente dell’Associazione 3P, Padre Pino Puglisi, di Licata, aderiscono la Caritas  Diocesana, il Centro Missionario Diocesano, il gruppo Ismani, Migrantes, i  Laici Comboniani, Porta Aperta, ARCI Agrigento, Altri Sud, Acuarinto, teatro Posta Vecchia, Medev, Utile dulce, CGIL Social-Help, il Pier Paolo Pasolini, Centro Antigone, Cooperativa Sanlorè, la UIL e l’associazione Il Tamburino.