PROVINCIA. Proseguono i lavori del Consiglio, approvati i finanziamenti per l’estate agrigentina

Il Consiglio Provinciale ha discusso nella seduta di stasera alcune mozioni.

Approvate quella dei consiglieri Bennici e C. D’Angelo sulla SP n.7, quella del consigliere Di Prima ed altri sulla crisi economica in provincia e quella di Carmelo D’Angelo, che impegna la Provincia ad esercitare una pressione politica sulle Ferrovie e sul Governo Regionale per potenziare la tratta Caltanissetta Xirbi-Gela. Respinta invece la mozione di Ezio di Prima ed altri sul rilancio del CUPA. Rinviato, inoltre, il regolamento per l’utilizzo del palazzetto provinciale dello sport di Racalmuto.

Il Consiglio ha poi iniziato a trattare la variazione di bilancio 2009, una variazione che prevede l’apertura di un nuovo capitolo in entrata ed uscita per l’eventuale trasferimento di un finanziamento regionale finalizzato al cartellone degli spettacoli estivi, ed in più l’incremento di un capitolo relativo alle borse di studio. Il primo punto è stato approvato con 11 voti favorevoli e sette astenuti, mentre nel secondo caso, dopo l’abbandono dell’aula da parte del consigliere Spoto, hanno votato solo 17 consiglieri (il numero minimo richiesto era 18). La seduta è stata rinviata di un’ora, quindi un nuovo appello andato deserto. I lavori sono stati quindi aggiornati a domani alle ore 19 (per la validità della seduta sarà sufficiente la presenza di 14 consiglieri).

Nella seduta di domani, oltre alla stessa variazione di bilancio, dovranno essere esaminate la nomina dei componenti del collegio dei revisori dei conti e la determinazione delle rispettive indennità, e la relazione semestrale del presidente D’Orsi relativa al secondo semestre 2008. All’ordine del giorno anche il regolamento per l’affidamento dei lavori per opere a cottimo, e il riconoscimento di due debiti fuori bilancio a seguito di sentenze della magistratura. Nei giorni scorsi, infine, il presidente del Consiglio Provinciale Raimondo Buscemi aveva aggiornato l’ordine del giorno con due nuove proposte: la calendarizzazione delle missioni all’estero dei consiglieri provinciali e l’ordine del giorno del Consigliere Gentile ed altri firmatari sulla calamità naturale abbattutasi nel territorio dell’hinterland canicattinese.