ANTIRACKET. Cutrò illustra la proposta di legge sull’assicurazione alle imprese taglieggiate

cutròMartedì 11 agosto alle ore 10,30, presso l’Hotel Pirandello di Agrigento, Ignazio Cutrò, presidente dell’Associazione antiracket “Libere terre”, terrà una conferenza stampa per illustrare  la proposta di istituzione di una copertura assicurativa a carico dello Stato  che garantisca i beni personali e aziendali delle vittime di mafia contro gli attentati e i danneggiamenti del racket delle estorsioni.

L’idea di Cutrò ì quella di spuntare una delle armi più usate nei taglieggiamenti mafiosi in quanto  eliminando   la paura  di vedere distrutti i propri beni, la paura  si attenua e  aumenta la propensione alla denuncia   delle richieste di estorsione.

“Libere terre, – evidenzia Cutrò – ha già ricevuto la disponibilità di numerosi parlamentari nazionali e regionali  che vogliono sposare l’iniziativa e sicuramente, in breve tempo, sarà varato un articolato legislativo o un semplice ampliamento dell’attuale normativa  in materia di collaboratori di giustizia  che  potrà rendere operativa  ed accessibile la copertura assicurativa  dei beni immobili e mobili e delle attrezzature di cantiere degli operatori economici vittime dei  macabri riti dell’intimidazione mafiosa. Nella conferenza stampa di  martedì 11 agosto verranno  comunicati tutti i dettagli  della  proposta  elaborata da Libere terre”. 

Articoli correlati….

Bivona, una croce di ceri funebri davanti casa: ennesima intimidazione per l’imprenditore Cutrò

Cutrò dopo l’intimidazione: “Vado avanti contro la mafia ma lo Stato mi stia accanto” 

Bivona, il sindaco Panepinto con Cutrò: “Sorveglianza davanti casa a spese del Comune e ddl all’Ars per assicurare le imprese danneggiate”