CATTOLICA ERACLEA. Paese sporco, ma è previsto l’arresto per chi abbandona i rifiuti ingombranti

arresto x rifiuti“Visto il tanto declamato degrado urbano evidenziato dal sindaco di Cattolica Eraclea, i responsabili della Sogeir chiedono di conoscere il numero delle sanzioni elevate nei confronti dei trasgressori della normativa vigente in merito al comportamento da tenere per i rifiuti solidi urbani e, in particolar modo per i rifiuti ingombranti”.

E’ la domanda che rivolgono al sindaco Cosimo Piro i responsabili della Sogeir replicando alla sua diffida in merito alla “emergenza rifiuti” in paese e rimandando al mittente le accuse di inefficienza.

Infatti, sia il sindaco che l’opposizione nel valutare la situazione dei rifiuti non tengono in considerazione lo scarso senso civico. Ieri sera per esempio, alle 19 circa, all’ingresso del paese, alcune persone abbandonavano – senza vergogna di essere visti e con tanto di divieto in bella mostra – frigoriferi, lavatrici, televisioni, rifiuti dunque pericolosi e ingombranti per il cui abbandono è previsto l’arresto sulla base del decreto legge emanato il 31 ottobre 2008  dal  Governo Berlusconi con cui sancisce “tolleranza zero” in materia di rifiuti.

rifiutiIl decreto prevede l’arresto di chi viene sorpreso lasciare per strada rifiuti ingombranti (frigoriferi, materassi, computer, elettrodomestici, divani, ecc…) che sarà punito col carcere per un periodo che andrà da 6 mesi a 3 anni. Inoltre, i Comuni che non faranno quanto previsto dalla legge in materia di raccolta dei rifiuti saranno commissariati su proposta del capo della Protezione Civile Guido Bertolaso; queste norme sono valide per le regioni Campania, Calabria, Sicilia e Puglia.    

Per la cronaca, i rifiuti ingombranti, secondo un’ordinanza dello stesso sindaco Piro, dovranno esclusivamente essere conferiti direttamente presso la propria abitazione contattando preventivamente il numero 0922 846921 attivo nei giorni feriali dalle ore 09 alle ore 12:30, il servizio di raccolta è gratuito.

Articoli correlati…