INFRASTRUTTURE. Confindustria Agrigento: “Scongiuriamo il rischio infiltrazioni mafiose”

640Massima sorveglianza sulle imprese a rischio infiltrazione mafiosa.

Il vice presidente di Confindustria Agrigento, Pierangela Graceffa, è intervenuta per far rilevare che il tema della grandi infrastrutture deve comportare, concretamente,  una opportunità. 

Graceffa ha sottolineato che le imprese di ANCE Agrigento, con le migliaia di lavoratori che occupano, costituiscono un rilevante valore sociale, ed è proprio per questo che è necessario il massimo coinvolgimento delle piccole imprese locali.  

E’ indispensabile operare per assicurare che gli investimenti previsti per le due grandi infrastrutture, producano vantaggi per le grandi aziende, evitando contemporaneamente  disagi per la nostra realtà produttiva, che da anni attende la crescita.  

L’uso trasparente delle ingenti risorse,  pari a circa 1 miliardo di euro, deve trasformarsi in un beneficio di sistema ed in tal senso auspichiamo che le imprese,  a diverso titolo coinvolte, siano adeguatamente esaminate  con riferimento alle condizioni di rispetto della sicurezza  nei cantieri ed alle possibili infiltrazioni malavitose  .  

Bene ha fatto il presidente dell’ANCE  (G. Sorce) , segnala Graceffa,  a ribadire che la capacità di sostenere la  crescita economica della nostra realtà è affidata alle imprese edili che  generano , anche in termini di filiera, occupati e reddito sociale  da subito .  

Proprio per questo ultimo fine – sostenere l’occupazione ed il reddito sociale – conclude Graceffa, auspichiamo il massimo coinvolgimento delle imprese edili della nostra realtà  e la massima vigilanza dei preposti organi dello Stato con i quali intendiamo continuare a collaborare per concorrere ad impedire eventuali coinvolgimenti di imprese che non intendono rispettare i diritti dei lavoratori o peggio sono infiltrate da organizzazioni criminali.