CONFINDUSTRIA. Nasce “Addioburocrazia” per sostenere le piccole imprese

mlaL’iniziativa è stata lanciata al vertice dei giovani imprenditori a Sciacca.

Al ritiro dei Giovani Imprenditori di Confindustria Sicilia, conclusosi ieri pomeriggio al Verdura Golf Resort di Sciacca, nasce “AddioBurocrazia”, una vera e propria “unità di crisi”, che raccoglierà le segnalazioni di casi di “malaburocrazia” da parte delle aziende siciliane, e che agirà per accertare la responsabilità personale dei singoli inefficienti burocrati che, con il loro comportamento, causano oggettivi danni alle imprese.

Confindustria promuoverà azioni di sostegno alle imprese sostenendole proprio come nella lotta al pizzo voluta dal presidente Lo Bello.

Non possiamo continuare a registrare, in diversi casi reiterati, comportamenti omissivi in capo a figure strategiche delle pubbliche amministrazioni, che causano un grave danno all’intera economia del territorio e al diritto di libero esercizio delle attività imprenditoriali.

“Siamo ad una svolta nel rapporto tra pubblico e privato – afferma Marilena Barbera, presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Agrigento – fino ad oggi le imprese, per difendersi dai casi più eclatanti di cattiva amministrazione, non avevano altro strumento che chiedere la “raccomandazione” dell’assessore, del capo di gabinetto o del dirigente, solo per ottenere il rispetto dei tempi di legge per l’ottenimento di certificati o per l’evasione di normali pratiche amministrative. Da tempo ci arrivano da parte dei nostri imprenditori preoccupanti segnalazioni di “colli di bottiglia” che rallentano e ostacolano il normale esercizio delle attività imprenditoriali: questo è ancora più gravoso in un periodo in cui le aziende soffrono per una crisi economica e finanziaria che stenta a risolversi.

Ma “Addio Burocrazia” vuole essere anche un modo per valorizzare quelle figure di pubblici amministratori e dirigenti che svolgono in maniera eccellente le proprie funzioni, lavorando con competenza e responsabilità, continua Marilena Barbera: avremo finalmente a disposizione dati statistici puntuali sui tempi di risposta della p.a. e sull’efficienza delle procedure amministrative; in questo modo, la nostra iniziativa potrà servire da stimolo per mantenere o riportare il sistema pubblico a livelli di efficienza accettabili.

Marilena Barbera conclude che per sostenere il processo di modernizzazione della Sicilia è necessario  fare emergere i migliori (che esistono) nelle nostre pubbliche amministrazioni: i migliori possono e devono vincere.