AGRIGENTO. Alta incidenza tumori: colpa di rifiuti, discariche e scorie radioattive

liltCon circa 2.500 iscritti in tutto il comprensorio, la sezione provinciale della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori lavora dal 2003 per dare sostegno e concrete risposte ai malati e alle famiglie. Obiettivo dell’Associazione Onlus diffondere maggiore informazione, sensibilizzando l’opinione pubblica e le Istituzioni a favore di una battaglia che può essere definita ormai sociale.

L’incidenza dei tumori in provincia sembra in aumento, con registrazione di alcuni casi “atipici”, secondo quanto riferiscono dati che possono essere definiti qualitativi, perché non suffragati ancora nè da una indagine quantitativa, che abbia cioè le caratteristiche della “costanza “e della “specificità” relativa al territorio da cui proviene il malato, nè da uno screening generale sulla popolazione per via dell’assenza, fino a qualche mese fa, di un registro tumori dedicato.

liltPer altro, nel luogo di riferimento, insistono  variabili ambientali multifattoriali, giudicate da medici ed esperti “probabili cause dell’incremento in questione, che andrebbero valutate con indagine precisa”. Tra i possibili imputati le discariche abusive, lo scorretto smaltimento dei rifiuti, la presenza delle miniere definite da alcuni studiosi “possibili contenitori di scorie radioattive”. Sospetti che ovviamente dovrebbero essere suffragati da un’attenta  osservazione del territorio, attualmente richiesta anche all’ASL, senza alcun esito, da associazioni, comitati civici, esponenti della politica locale.

Oggi, con la recente legge di riforma sanitaria che l’Assemblea Regionale ha approvato con ampia maggioranza, sarà attivato anche in Provincia il registro tumori, collegato a quello già predisposto di Trapani.

liltIntanto, in questi anni di lungo vuoto legislativo e di richieste e denunce sono comunque andate avanti varie iniziative promosse dalla LILT che vanta diverse delegazioni: a Sciacca, dove in via Giovanni XXIII, si effettuano visite senologiche, ginecologiche e urologiche per prenotazione, dal lunedì al venerdì a cui si aggiungono quella di Ribera, Santa Margherita Belice, Montallegro, Favara e Agrigento, dove la competenza di medici specializzati viene messa a disposizione di chi ha necessità, spesso in associazione al supporto psicologico.

Gli ambulatori di oncologia sono affiancati a quelli di psiconcologia, branca indispensabile per sostenere il malato. La Onlus lavora anche per la promozione di corretti e più sani stili di vita, effettua l’assistenza ai malati terminali e il trasporto degli ammalati che richiedono il trattamento con radioterapia. Tra le ultime iniziative promosse quella che riguarda la cura dell’estetica delle donne sottoposte a chemioterapia. Ogni ultimo lunedì del mese, presso i locali di Sciacca è stato offerto un servizio di consulenza con parrucchieri che, a turno, hanno proposto suggerimenti. Ai parrucchieri sono state affiancate due pedagogiste Cucchiara e Zinna. per radioterapia.

M. Serena Milisenna

Da: periodicoitaliano.info