LICATA. Furti d’acqua, denunciate 6 persone, sequestrati 4 invasi

Ieri a Licata, nel contesto di una complessa attività di indagine, denominata “Grecale 2”, finalizzata ad interrompere il fenomeno dei furti di acqua lungo la condotta idrica Gela – Aragona, personale del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Licata denunciava in stato di libertà 6 persone, tutte operanti nel settore agricolo ed incensurate, poiché sospettate di furto aggravato e danneggiamento e inoltre procedeva al sequestro di 4 invasi di raccolta.

Nella circostanza, grazie anche alla preziosa collaborazione fornita dal personale di “Siciliacque s.p.a.”, è emerso che i sospetti avevano predisposto una vasta e sofisticata rete idrica che si sviluppava per diversi kilometri tra i campi circostanti il comune di Licata e che terminavano in invasi di raccolta da dove, in un secondo tempo, l’acqua veniva prelevata per essere utilizzata per scopi di coltivazione.

La rete così predisposta aveva la sua origine tramite un allaccio illegale operato nei pressi di un pozzetto della condotta idrica Gela – Aragona e alcuni esperti valutano la sottrazione di acqua alla rete ordinaria tra i 20 e i 40 litri al secondo.