AGRIGENTO. Polo universitario: “Serve un’offerta aderente alle esigenze del territorio”

images/stories/dorsi e mifsud.jpg“Occorre proporre per tem­po al ministero dell’università un’offerta formativa più aderente alle esigenze in evoluzione del terri­torio”.

Lo sostiene il Comi­tato Pro Università di Agrigen­to, con un appello rivolto al presidente del Polo universitario di Agrigento Joseph Mi, sud,  ed al Magnifico ret­tore dell’Università di Palermo, Roberto Lagalla.

“La città e gli Enti del territo­rio – dice Giovanni Patti – vice presidente del comitato, stanno viven­do una stagione di profondi cam­biamenti in assenza di risorse fi­nanziarie ma, malgrado ciò, cre­diamo che investire sull’Universi­tà e convergere su di essa sia vitale per lo sviluppo del nostro terri­torio. Non ci sono ignote le diffi­coltà che stanno rendendo diffici­le ed arduo l’insediamento uni­versitario definitivo sul nostro ter­ritorio, ma siamo convinti che vadano fatti, da parte di chi ha precise responsabilità istituzionali, i necessari passi, per consolidare con l’Università di Palermo un rapporto convenzionale che, sep­pure rimodulato in funzione di nuove strategie di sviluppo, pos­sa consentire di proporre, per tempo, al Ministero dell’Universi­tà una offerta formativa più ade­rente alle esigenze in evoluzione del territorio”.

La proposta è quella di avviare “un tavolo di confronto con l’Università di Pa­lermo per definire le linee fondamentali di sviluppo non disgiun­te dalla ricerca delle migliori stra­tegie collegate ad un’ offerta for­mativa condivisa e capace di far affermare ancora di più l’Univer­sità sul nostro territorio”.