CALCIO E MAFIA. Presidente Akragas dedica la vittoria al presunto boss Nicola Ribisi

FDopo la partita che ha visto ieri l’Akragas vittoriosa contro l’Arenella per 5-0, il presidente Gioacchino Sferrazza ha dedicato la vittoria  “all’amico fraterno Nicola Ribisi”, arrestato nei giorni scorsi perché ritenuto il boss emergente di Palma di Montechiaro.

I cronisti non hanno esitato a manifestare la loro perplessità, sostenendo che quella dedica inopportuna non sarebbe stata riportata da giornali e tv. Così il presidente Sferrazza, irritato, ha deciso il silenzio stampa della società vietando ai giocatori di rilasciare interviste.

Della vicenda, si apprende su grandangolo-online.it, si occuperà stamani il Consiglio regionale dell’Assostampa, riunito a Leonforte, l’Ordine dei giornalisti e, molto probabilmente, anche la Squadra Mobile di Agrigento e la Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

LE REAZIONI. Giustizia sportiva: potrà essere deferito il presidente amico del boss  Procura, caso Akragas: in campo i pm di Agrigento Il Questore: “Siamo tornati indietro di 40 anni” Arnone: “Mai più un soldo all’Akragras da Comune e Provincia” Sindaco Zambuto: “Sconcertato per le dichiarazioni di Sferrazza” Stampa estera: caso Akragas fa il giro del mondo –  Lumia (Pd): “Gravissime le dichiarazioni del presidente Akragas”  Il presidente Akragas ribadisce: “Vittoria dedicata a Nicola Ribisi”