CATTOLICA ERACLEA. Fogna a cielo aperto: denunciati il sindaco Piro, il capo dell’Utc e Girgenti Acque

blitz

Tutti i liquami fognari di Cattolica Eraclea vengono scaricati tra gli ulivi e il depuratore di contrada Stazione.

Lo hanno scoperto i carabinieri della compagnia di Agrigento  e del Nucleo operativo ecologico di Palermo.

Denunciati a piede libero il sindaco Cosimo Piro, il capo dell’ufficio tecnico comunale architetto G. C., la Girgenti Acque e le imprese che hanno realizzato il depuratore consegnando l’opera senza che fosse mai stata completata quindi non a norma di legge.

ccPer quel “maledetto” depuratore i cittadini di Cattolica Eraclea hanno sempre pagato le tasse seppur non sia mai entrato in funzione.

Adesso il fascicolo d’inchiesta per violazione delle leggi ambientali è al vaglio della Procura della Repubblica di Agrigento. Le ipotesi di reato contestate agli indagati sono lo scarico di acque reflue urbane ed industriali senza autorizzazione, aver effettuato illecitamente uno scarico a suolo in violazione del divieto e  gettito pericoloso con forti odori nauseabondi. Sono stati così sequestrati il depuratore vicino all’ex stazione ferroviaria e alcuni terreni adiacenti trasformati, nel corso degli anni, in una puzzolente fogna a cielo aperto.

Articoli correlati…

CATTOLICA ERACLEA. Fogna a cielo aperto: denunciati il sindaco Piro, il capo dell’Utc e Girgenti Acque

cccccc

 

 

 

 

 

 

cc

i cc