MONTALLEGRO. Incidente mortale sulla Ss 115, interviene l’Unione dei Comuni

incidenteA seguito del tragico incidente mortale verificatosi ieri sulla Ss interviene il presidente dell’Assemblea dell’Unione dei Comuni di Realmonte, Siculiana, Montallegro e Cattolica Eraclea, Giovanni Coco.

Il presidente Coco “vuole unirsi a nome proprio e dell’intera assise intercomunale dell’Assemblea al dolore cha ha straziato la famiglia Siciliano, per la perdita prematura e drammatica del giovane Giovanni.

“Proprio lunedì scorso – dice – si è svolta su mia iniziativa l’Assemblea dell’Unione dei Comuni, con all’ordine del giorno la sicurezza della Ss 115 in generale ed in particolare nel tratto che va da Realmonte a Cattolica Eraclea”.

Durante i lavori assembleari si sono evidenziati i problemi che riscontrano quotidianamente i cittadini dei 4 paesi dell’unione, ovvero la scarsa manutenzione della sede stradale, la carenza di segnaletica orizzontale e verticale, la carenza di pulizia delle cunette piene di erbacce che invadono le carreggiate, la inconsistente illuminazione delle gallerie di contrada Garebici in territorio tra Siculiana e Montallegro, che proprio questa estate sono state teatro di un altro incidente mortale che hanno visto stroncare l’esistenza di un ciclista proprio all’interno della galleria.

Si è evidenziato altresì, che l’ampliamento sproporzionato della discarica di contrada Matarana, sta portando un numero elevatissimo di mezzi pesanti contenenti i rifiuti solidi urbani di quasi tutta la provincia di Agrigento (e forse anche di altri luoghi vedi emergenza Napoli) sulla Ss115, congestionando di fatto il traffico ed esponendo i normali utenti della strada ad azzardare sorpassi, tenuto conto che tali mezzi viaggiano a velocità sostenute, spesso non rispettando le distanze di sicurezza.

A margine sono state evidenziate anche le carenze manutentive della S.P. 75 Siculiana-Montallegro, nonché sempre la presenza dei mezzi della “spazzatura” che con le loro velocità mettono in pericolo l’incolumità di quanti utilizzano tale arteria per l’accesso ai vari fondi agricoli. 

Alla luce di questo ultimo incidente il presidente Coco si rivolge al Prefetto di Agrigento, Umberto Postiglione, affinché possa intimare all’ANAS, di mettere immediatamente in sicurezza il tratto di Ss 115, nonché individuare nelle forze di polizia le risorse necessarie ad un controllo più approfondito del rispetto del Codice della strada da parte di tutti gli utenti della strada ed in particolare dei conducenti di mezzi pesanti e della c.d. “spazzatura”. Da parte sua, il presidente Coco, invierà  copia della deliberazione dell’Assemblea a tutti gli organi di governo provinciale,  regionale e nazionale affinché non si abbiano a ripetersi ulteriori tragedie annunciate..