RIBERA. Mpa in fibrillazione, lasciano il partito Lombardo e Ruvolo

Fibrillazione politica all’interno dell’Mpa riberese. Da ieri hanno lasciato il partito autonomistico di Raffaele Lombardo il consigliere provinciale Matteo Ruvolo, avvocato, già vice presidente del consiglio comunale di Ribera, prima di passare alla Provincia di Agrigento, e il consigliere comunale Vincenzo Costa, medico veterinario, il primo esponente politico di un certo rilievo (era consigliere comunale) ad aderire alcuni addietro all’Mpa.

I due hanno assunto il ruolo politico di «indipendenti». Ruvolo ha comunicato la sua “sofferta decisione” nel corso della seduta del consiglio provinciale di martedì sera; Costa ha provveduto a depositare presso la segreteria comunale, dopo un lungo periodo di di­sagio all’interno dell’Mpa, la comunicazione ufficiale del suo passaggio alla nuova collocazione. In consiglio comunale l’Mpa passa adesso da 6 a cinque consiglieri, perdendo la qualifica di partito di maggioranza relativa, che viene ceduta all’IJdc, primo partito in consiglio comunale con 6 consiglieri.

Alla base della decisione dei due esponenti politici il venire meno delle «ragioni di coesione e condivisione di un comune percorso e progetto politico» e il «profondo scollamento da tempo in atto tra chi localmente dirige il Movimento per l’Autonomia, gli organi amministrativi e le rappre­sentanze politiche dello stesso». Dopo la decisione assunta in particolareda Costa si guarda a que­sto consigliere con particolare attenzione in merito al pronuncia-mento del consiglio comunale sulla sfiducia a Scaturro.

Totò Castelli

Da: Giornale di Sicilia