AGRIGENTO. Condannati per falso, Palermo e Gambino (Pd): “Nessun broglio, no a strumentalizzazioni”

palermo“Io ed il senatore Gambino non siamo stati condannati dal Gup di Agrigento per avere falsificato l’atto di nomina a rappresentanti della lista del Pd presso la Commissione Elettorale Circoscrizionale, come strumentalmente è stato scritto sui quotidiani e detto in televisione,  ma solo perché consapevoli del fatto che le firme dell’atto di designazione erano apocrife”.

Lo ha detto l’esponente del Pd di Agrigento Giuseppe Palermo, definendo strumentali le notizie diffuse da alcuni quotidiani ed in televisione.

gambino“Chi siano gli autori o l’autore di quelle firme false non è stato accertato. Naturalmente – conclude Palermo – proporremmo appello perché né io, né il senatore Gambino eravamo tanto sconsiderati di accettare di rappresentare la lista presso la Commissione Elettorale sapendo che l’atto di designazione era falso ed abbiamo scelto il giudizio abbreviato per accelerare la decisione del Giudice certi della nostra innocenza”.