LAVORO. Sicilia, novità sui forestali: a Natale gli stipendi arretrati

FORESTALI A LAVORO“Prima delle festività natalizie i lavoratori forestali percepiranno le somme arretrate”.

Ad annunciarlo è il deputato regionale del partito democratico Giacomo Di Benedetto.

“L’impegno è stato assunto dall’assessore regionale al Bilancio, Roberto Di Mauro, al termine di un incontro – afferma l’onorevole Di Benedetto – che ho avuto, assieme ad altri parlamentare del Pd, con lo stesso esponente del governo Lombardo e con una delegazione di sindacati di categoria e di operai. L’assessore Di Mauro si è impegnato a prevedere, nell’ambito delle variazioni di bilancio e dell’esercizio provvisorio, lo stanziamento di 25 milioni di euro per onorare e rispettare il sacrosanto diritto dei lavoratori a percepire le spettanze dovute. Inoltre, affinché i mandati di pagamento avvengano prima della fine dell’anno, su nostra sollecitazione, – aggiunge Di Benedetto – Di Mauro ha assunto l’impegno di procedere, prima della seduta del 15 dicembre, a fare le anticipazioni di cassa.
 
Un passaggio, questo importante,  per consentire il pagamento subito dopo l’approvazione degli atti deliberativi in materia finanziaria. In caso contrario tutto sarebbe stato rinviato  a gennaio. Tante famiglie siciliane potranno tirare così un sospiro di sollievo. Le attività forestali costituiscono, in questo difficile momento di congiuntura economica, una fonte significativa di reddito – precisa il parlamentare agrigentino del Pd –  oltre che contribuiscono al miglioramento dello stato ambientale del territorio della Sicilia”.

E sulla vicenda Di Benedetto ha presentato una interrogazione urgente, indirizzata al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e all’assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Michele Cimino. “Oltre al problema delle spettanze arretrate – osserva il parlamentare del Pd – la mia attenzione è stata rivolta alla questione legata alla disparità di trattamento tra i lavoratori 151/isti dell’antincendio appartenenti all’Azienda Forestale, che hanno ottenuto l’aumento delle giornate lavorative, e i 151/isti dell’Ispettorato Forestale che invece questo aumento non l’hanno ricevuto. E tutto questo in barba ad un verbale di accordo raggiunto tra le organizzazioni sindacali di categoria e il Governo regionale, siglato il 29 settembre scorso, – conclude l’onorevole Di Benedetto – con il quale, tra l’altro,  si stabilisce l’aumento di alcune giornate lavorative per i lavoratori dei servizi antincendio. Sarà utile capire anche come su questo versante il governo regionale vorrà muoversi”.