GROTTE. Sgominata banda di ladri che operava nell’Agrigentino

la refurtivaUna banda di malviventi dedita ai furti in provincia di Agrigento è stata scoperta e smantellata dai carabinieri.

I militari delle stazioni di Grotte e Casteltermini e della tenenza di Favara insieme ai militari della compagnia di Canicattì, dopo alcune perquisizioni domiciliari scaturite dalle indagini condotte dai carabinieri di Grotte per individuare gli autori di alcuni furti che si sono verificati nel paese,  hanno denunciato R.M., 24 anni e G.Z., 18 anni, entrambi  operai grottesi e C P., 23enne disoccupato di Casteltermini. 

Nelle loro abitazioni sono stati rinvenuti gioielli, taniche di olio e vino, attrezzi per il bricolage, motozappe e trattori, stereo, hifi e infine lettori dvd. Tutto il materiale rinvenuto è risultato oggetto di un furto commesso ai danni di G.M., un pensionato 74enne, e avvenuto lo scorso 10 dicembre nella sua abitazione di campagna; un altro furto ai danni di A.T., 73enne avvenuto lo scorso 6 novembre nella sua ferramenta ubicata nel centro di Grotte; e un furto ai danni di C.T., 39enne, avvenuto lo scorso 21 ottobre ai danni della propria ferramenta, sempre a Grotte. 

I tre sono stati denunciati a piede libero per i reati di furto aggravato e ricettazione. I controlli dei carabinieri sono partiti dopo l’impennata di furti che si sono registrati in paese ed in altri comuni dell’hinterland. Ma soprattutto a Grotte erano stati diversi i posti ed i luoghi visitati dai ladri. Così i carabinieri si sono messi sulle tracce della banda ed alla fine sono riusciti a recuperare quasi tutta la refurtiva portava via dai ladri che prevalentemente agivano durante le ore notturne. In particolare i luoghi visitati dai ladri erano state abitazioni di campagna e due ferramenta ubicate nel piccolo comune della provincia di Agrigento.

La merce trafugata era già stata piazzata in alcuni casi e per questo i militari hanno provveduto a far scattare delle denunce per ricettazione oltre a quelle per furto aggravato. Non è stato possibile effettuare arresti perché trascorsa la flagranza di reato.