ANTIRACKET. Bivona, installata video-sorveglianza davanti casa di Cutrò

cutròE’ stato installato oggi l’impianto di video-sorveglianza nell’abitazione di Ignazio Cutrò, l’imprenditore antiracket di Bivona.

Da circa un decennio vittima di continue intimidazioni, Cutrò adesso avrà la sorveglianza video 24 ore al giorno, oltre alla tutela dei carabinieri e a periodici controlli delle forze dell’ordine, sia di giorno che notte.

«Sono contento e non mi sento solo – ha detto l’imprenditore Cutrò -. Grazie a questi piccoli elementi, a questi “tasselli”, capisco che la mia lotta non è senza meta e, specialmente, riesco sempre meglio a spiegare ai miei figli che la nostra famiglia non vive questo stato di “chiusura” per nulla, ma per uno scopo ben preciso: quello di combattere la mafia».

L’impianto di video-sorveglianza con telecamere a circuito chiuso che coprono l’intera proprietà diCutrò, registrando 24 ore su 24 è stato messo a disposizione dall’amministrazione comunale di  Bivona guidata dal sindaco Giovanni Panepinto.