AEROPORTO AGRIGENTO. Approvata mozione dal Governo provinciale e delle Giunte di Agrigento e Licata

ORDINE DEL GIORNO AEROPORTO. LA GIUNTA  PROVINCIALE E LE GIUNTE COMUNALI DI AGRIGENTO LICATA RIUNITESI IN SEDUTA CONGIUNTA:

Ritenuto che la realizzazione dell’aeroporto in  provincia di Agrigento, costituisce un obiettivo prioritario ed improcrastinabile per lo sviluppo sociale ed economico dell’intero territorio;

Ritenuto che sin dal suo insediamento la Giunta Provinciale presieduta dal Presidente Eugenio D’Orsi ha intrapreso un percorso finalizzato a dare concreta realizzazione a questo obiettivo;

Ritenuto che nonostante  l’espletamento di tutti gli adempimenti burocratici, tecnici e progettuali

siano avvenuti in stretta conformità a quanto espressamente richiesto  dai competenti organi tecnici e politici, continuano ad essere frapposti ostacoli, di diversa natura, per l’adozione dei necessari provvedimenti autorizzativi;

Ritenuto che la massiccia adesione dei cittadini e di tutta l’opinione pubblica alle diverse iniziative poste in essere dalla Provincia anche in collaborazione con le diverse amministrazioni comunali interessate alla realizzazione dell’aeroporto;

Ritenuto che il raggiungimento di un obiettivo di così rilevante importanza, richieda anche la partecipazione condivisa dell’intesa classe politica espressa dalla  provincia di Agrigento;

MANIFESTANO

Ampia solidarietà  e condivisione per le iniziative di lotta intraprese dal Presidente della Provincia Regionale Eugenio D’orsi per la realizzazione dell’aeroporto;

Auspicano che  il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi con il competente Ministro alle Infrastrutture Altero Matteoli, pongano in essere tutti i necessari adempimenti politico –amministrativi per consentire la realizzazione dell’aeroporto;

Auspicano una più concreta partecipazione della classe politica della  provincia di Agrigento, e della relativa deputazione regionale e nazionale, a tutte le iniziative finalizzate alla realizzazione dell’aeroporto.

(Il documento è stato firmato dal  Presidente D’Orsi, dai due sindaci e dagli assessori delle tre giunte)