AEROPORTO AGRIGENTO. Il Consorzio Valle dei Templi si riunisce nella tenda del presidente D’Orsi

L’intervento del presidente del Consorzio Valle dei Templi, Gaetano Pendolino, sulla protesta di D’Orsi per l’aeroporto.

“Ancora una volta, purtroppo, per la nostra terra e per le ipotesi di sviluppo del nostro territorio dall’alto vengono posti veti visibilmente immotivati seppur apparentemente giustificati da pseudo note tecniche.

Ancora una volta – scrive Pendolino –  non il territorio ma chi sta a Roma, e con il quasi totale silenzio dei nostri parlamentari, deve decidere cosa bisogna realizzare nel nostro territorio e come bisogna avviare ipotesi di insediamenti, legati all’industria chimica pesante, che certamente arricchiranno non il nostro territorio ma chi gestirà tali impianti a danno dell’economia locale.

E’ il caso, per esempio, del rigassificatore che sarà un grandissimo affare sicuramente per l’ENEL a danno del nostro territorio e dello sviluppo turistico. Ma se proviamo a fare un’analisi più ampia possiamo trovare decine di altri esempi simili. E’ il momento – prosegue – di alzare la testa e dire basta a questa miope attività di sfruttamento indiscriminato della nostra terra senza pensare alle reali potenzialità  di sviluppo che può arrivare attraverso il turismo.

Ed è  per questo motivo che il Consorzio Turistico Valle dei Templi esprime solidarietà e vicinanza all’azione di civile protesta messa in atto dal presidente della ProvinciaEugenio D’Orsi.

Il CDA del Consorzio – conclude Pendolino – ha deciso di convocare ed effettuare il prossimo Consiglio di Amministrazione in tenda, alla presenza del presidente della Provincia D’Orsi, per sabato 27 febbraio ore 10 con unico punto all’ordine del giorno: “Ipotesi di sviluppo dell’economia turistica agrigentina con la costruzione dell’aeroporto”.