AGRIGENTO. Importante ritrovamento archeologico, sospesi i lavori sulla Ss 640

Il Compartimento regionale dell’Anas e la CmC Ravanna, General Contractor dei lavori di ammodernamento e raddoppio della Strada Statale 640 di Porto Empedocle hanno comunicato alla Prefettura di Agrigento e alle Amministrazioni comunali interessate la sospensione dei lavori per verificare l’importanza dei reperti ritrovati lungo il cantiere all’altezza del km 15 + 400 in località Cozzolillo Petrusa.

Gli esperti della Soprintendenza ai Beni culturali di Agrigento hanno infatti verificato la sussistenza di strutture a gradoni che potrebbero prefigurare il ritrovamento di un teatro di archiettura tardo ellenica. I lavori riprenderanno non appena i tecnici della Regione e del Ministero dei Beni culturali daranno il nulla osta. L’Anas ha nel frattempo attivato i suoi uffici per approntare nel più breve tempo possibile una modifica del progetto per garantire sia la prosecuzione dei lavori che la tutela dei beni archeologici.   

“L’Anas ha rispettato l’impegno di coniugare le esigenze di mobilità nel territorio con quelle della tutela del patrimonio archeologico– ha dichiarato il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci –. Per la provincia di Agrigento e per la Sicilia si tratta di un passaggio importante che andrà avanti nel rispetto di tutte le esigenze tenendo presente che si tratta di un itinerario strategico  per lo sviluppo economico non solo per le province di Agrigento e Caltanissetta ma per l’intera regione siciliana”.