FRODE. Vino alterato in commercio, indagine su presunta associazione a delinquere nell’Agrigentino

Oggi i carabinieri della Compagnia di Sciacca e del NAS di Palermo, Genova e Torino, unitamente ai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria  del Comando Provinciale di Agrigento hanno eseguito un decreto di perquisizione locale e sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Sciacca nei confronti di numerosi soggetti residenti nelle provincie di Agrigento, Palermo, Trapani e Torino.

Il provvedimento è scaturito dall’attività di indagine delegata e coordinata da quest’Ufficio, in relazione al grave danneggiamento perpetrato il 24 dicembre 2009 in danno della Cantina Corbera Soc. Cooperativa di Santa Margherita di Belice (AG), allorquando, nottetempo venivano sabotati numerosi silos del predetto stabilimento causando la perdita di un ingente quantitativo di vino.

Dall’indagine, sinora condotta, è possibile ipotizzare l’esistenza di un’associazione a delinquere finalizzata alla frode nell’esercizio del commercio mediante alterazione del vino prodotto e venduto ad alcune grosse aziende alimentari nonché alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Nel corso delle perquisizioni è stata sequestrata copiosa documentazione anche presso uffici pubblici interessati all’erogazioni di agevolazioni finanziarie avanzate dalla cantina Corbera. Si è proceduto, inoltre, al sequestro di un ingente quantitativo di vino.