AGRIGENTO. Degrado e sporcizia in molti quartieri, la ricetta del consigliere Lauricella

Il consigliere comunale del Pd di Agrigento, Salvatore Lauricella, invita il sindaco Marco Zambuto “a tenere sotto controllo la situazione igienico-sanitaria della città di Agrigento e dei suoi quartieri perché potrebbe essere pregiudizievole alla salute dei cittadini, soprattutto, a causa del proliferare dei parassiti, dei topi e degli insetti portatori di malattie quali la rickettsiosi, la leishmaniosi e la leptospirosi”.

Così continua la nota di Lauricella: “Segnalazioni sulla situazione igienico sanitaria arrivano dalle frazioni di Villaseta, Monserrato, Fontanelle, San Michele, Giardina Gallotti, Montaperto, Villaggio Mosè, San Leone, Maddalusa, Villaggio Peruzzo, Zingarello e dai quartieri della città i quali rivendicano interventi urgenti di disinfestazione, disinfezione, decespugliamento e di derattizzazione. 

Interventi si registrano da parte degli organi di informazione, ma anche da parte delle Autorità sanitarie, in particolare dell’ASP, che spesso mettono in mostra il degrado della città, delle periferie urbane e del centro storico.  Sono a conoscenza delle attività poste in essere dall’Amministrazione Comunale presieduta dal Sindaco Marco Zambuto, apprezzo gli sforzi e l’attivismo dell’Assessore Rosalda Passarello, ritengo, tuttavia, che gli interventi realizzati vadano reiterati periodicamente al fine di creare le condizioni per l’abbattimento definitivo di situazioni sedimentate negli anni e spezzare la catena riproduttiva dei parassiti intervenendo in tutti gli stadi dello sviluppo degli insetti dal larvale  all’adulto. 

Per contribuire a dare soluzione a questa situazione di degrado che provoca grandi disagi ai cittadini e danneggia l’immagine della città di Agrigento, desidero sottoporre al Sindaco Marco Zambuto una sintesi di suggerimenti:  Intervenire con tempestività per l’eliminazione delle piante infestanti; Intervenire con ordinanze e diffide nei confronti dei proprietari di spezzoni di terreno in aree urbanizzate richiedendo la pulizia e la disinfestazione degli stessi; Intervenire con tutto il personale disponibile per il decespugliamento e la pulizia, in particolare, dei quartieri di Villaseta, Monserrato, San Leone, Villaggio Mosè, Fontanelle, Giardina Gallotti (strade fino ad oggi trascurate perché marginali e di limitata percorrenza); Considerato lo sproporzionato proliferare di zanzare, mosche, zecche, scarafaggi, topi e parassiti di ogni tipo è necessario ricercare un raccordo operativo con l’ASP per individuare le strategie di intervento in grado di debellare in modo sostanzioso insetti e topi;

In ogni caso è indispensabile una verifica dei dosaggi operati dalle ditte private controllando i tempi degli interventi, l’efficacia dei prodotti adoperati in relazione al periodo di spandimento, la completa copertura di tutte le strade cittadine, dei valloni e degli acquitrini che sono il naturale brodo di coltura delle zanzare; In considerazione dell’altissimo numero di topi presenti in città, occorre chiedere la collaborazione dei cittadini per la distribuzione e la collocazione a loro cura dei derattizzanti acquistati dal Comune in modo da raggiungere gli spazi non accessibili dai netturbini e coprire l’intero territorio; Occorre, inoltre, verificare le modalità con cui avviene la raccolta dei rifiuti di amianto ed il relativo smaltimento.

Personalmente ritengo che i problemi igienico sanitari della città di Agrigento e dei suoi quartieri si risolvono attraverso la capacità di tenere sotto controllo il territorio.  E’ assolutamente necessario che le ditte incaricate dall’Amministrazione comunale realizzino, in tempo utile, interventi larvicidi e di prevenzione per evitare il proliferare delle zanzare soprattutto nella stagione estiva.  Per tutti questi motivi e per il bene della città  invito, quindi, l’Amministrazione comunale presieduta dal Sindaco Marco Zambuto a seguire con dedizione e costanza la carente situazione igienico sanitaria che affligge la città di Agrigento e le sue frazioni”.