LICATA. Scoperta piantagione di marijuana sugli argini del fiume Salso

Sequestrata dalle fiamme gialle agrigentine una piantagione di marijuana  coltivata nel licatese lungo gli argini del fiume Salso. I finanzieri  hanno scoperto 18 piante di canapa indiana che, coltivate in vaso, erano abilmente occultate in un canneto lungo gli argini del Salso.

Verosimilmente, per paura di essere scoperti a causa dei diversi sequestri di marijuana operati anche dalle altre forze di polizia, i proprietari delle piante non si sono più recati sul luogo di coltivazione per innaffiare le piante, rendendo vani gli appostamenti predisposti dai militari per la loro individuazione. Le piante sono state quindi estirpate e sottoposte a sequestro. Tra le piante sequestrate è stata registrata la presenza della cosiddetta “skunk”, una pianta che nasce dall’incrocio tra altre due varietà di canapa la sativa e la indica e che presenta una quantità maggiore di principio attivo.  Le piante sequestrate avrebbero consentito l’immissione al consumo di centinaia di dosi di marijuana, producendo notevoli danni ai giovani ed alle famiglie agrigentine, che sono stati così impediti.