ERACLEA MINOA. Spiaggia e pineta invase dai rifiuti, il sindaco protesta contro la Provincia

Sono diventate vere e proprie discariche a cielo aperto la spiaggia e la pineta di Eraclea Minoa.

Carte, cartoni, bottiglie, lattine, contenitori, sedie e tavole rotte, assorbenti e preservativi, elettrodomestici in disuso e rifiuti di ogni tipo “regolarmente” abbandonati in spiaggia e in pineta dove sono ammassati a dismisura sacchetti pieni di immondizia. Uno spettacolo indecoroso che va in scena dall’inizio dell’estate e che si aggrava sempre di più con la presenza di un numero crescente di  bagnanti e turisti.

La causa non è solo l’inciviltà di molte persone che comunque regna sovrana, ma anche il fatto che la nota località turistica è stata abbandonata dalle istituzioni che come ogni anno si scaricano a vicenda le responsabilità mentre ad Eraclea Minoa “perla del Mediterraneo” si registra ancora una volta l’emergenza rifiuti.

A nulla sono dunque valse le iniziative di volontariato promosse prima dall’Unione dei Comuni con la “Giornata ecologica” e poi da gruppi di turisti che hanno cercato di pulire almeno alcuni tratti della prima spiaggia. Addirittura quest’anno, secondo quanto si apprende dal sindaco di Cattolica Eraclea Cosimo Piro, la Provincia si è “dimenticata” di inserire la nota località balneare, sicuramente tra le più frequentate e più belle dell’Agrigentino, nel piano di pulizia del litorale.

Il primo cittadino cattolicese ha protestato contro l’Amministrazione provinciale e il dirigente del settore di tutela ambientale della Provincia ha assicurato che nei prossimi giorni sarà ripristinato il servizio di pulizia della spiaggia di Eraclea.

Intanto l’Amministrazione comunale, dopo le segnalazioni del Giornale di Sicilia delle numerose mini discariche abusive sorte lungo le strade provinciali per Montallegro, Raffadali e Cianciana a causa dell’inciviltà di alcune persone che abbandonano rifiuti in strada per evitare di conferire i rifiuti secondo le regole previste dalla raccolta differenziata porta a porta, sta provvedendo in questi giorni a fare un pulizia straordinaria del territorio.

Probabilmente sarà chiesto alla Provincia di pagare le spese, visto che, sottolinea il sindaco, “la pulizia delle zone fuori dal centro abitato non è di competenza del Comune”. Il sindaco Piro: “Rinnovo l’appello ai cittadini a non abbandonare i rifiuti in strada, in spiaggia o in pineta, ritengo che gli incivili siano una minoranza che danneggia tutta la comunità che invece si sta impegnando per fare bene la raccolta differenziata i cui dati sono confortanti”.