AEROPORTO AGRIGENTO. D’Orsi incontra il ministro Matteoli e scrive al presidente Napolitano

Il presidente della Provincia Regionale di Agrigento, Eugenio D’Orsi, si incontrerà a Roma mercoledì prossimo,  con il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli: al centro dell’incontro vi sarà l’esame delle condizioni generali di fattibilità dell’aeroporto di Licata.

L’incontro romano con il ministro Matteoli è stato reso possibile anche grazie all’intervento del ministro della Giustizia, l’agrigentino Angelino Alfano, che in questo modo ha, ancora una volta, voluto dare una concreta dimostrazione dell’attenzione con cui segue il progetto della realizzazione dello scalo aeroportuale, fortemente voluto dall’amministrazione D’Orsi. “Siamo certi che da questo incontro scaturiranno delle novità di estremo rilievo sul cammino che ci condurrà alla realizzazione dell’importante infrastruttura – dice il presidente Eugenio D’Orsi –. Sarà una ulteriore  occasione per ribadire, ancora una volta, l’importanza strategica dell’aeroporto per il rilancio e lo sviluppo di questo lembo dell’Isola”.

L’appuntamento romano con il Ministro Matteoli di mercoledì prossimo, segue di pochi giorni una lettera aperta che il presidente della Provincia Regionale D’Orsi ha inviato al Presidente della Repubblica on. Giorgio Napolitano, al Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi ed allo stesso Matteoli. Nella sua nota D’Orsi sottolineava l’importanza della realizzazione dello scalo aeroportuale e nello stesso tempo ribadiva che la stessa infrastruttura non avrebbe in alcun modo gravato sulle finanze dell’Amministrazione Statale in quanto verrebbe realizzata totalmente a carico del bilancio della Regione Sicilia e della Provincia Regionale, la quale se ne assumerebbe anche gli oneri della successiva  gestione.

“L’incontro con Matteoli servirà anche a dare chiarezza in ordine all’assetto  generale del business plan che riguarda  la  realizzazione e la gestione dell’aeroporto – prosegue D’Orsi – elemento questo estremamente controverso e sul quale i detrattori del progetto per la realizzazione dell’aeroporto hanno più volte cercato di alimentare delle speculazioni strumentali. Sarà anche una occasione per cercare di fare chiarezza in ordine agli interessi politici ed imprenditoriali – conclude D’Orsi – che si frappongono alla realizzazione dello scalo aeroportuale”.