CASTELTERMINI. Stop alle ingiunziuni pazze della tassa sui rifiuti

Il sindaco di Casteltermini, Nuccio Sapia e l’assessore comunale all’Ambiente, Carmelo Salamone, hanno scritto, con urgenza, una lettera alla Censum, l’agenzia che si occupa di riscossione della tassa sui rifiuti.

L’oggetto della missiva è quello di sospendere, immediatamente,  l’invio di ingiunzioni sulla tassa dell’immondizia. Da alcuni giorni, infatti, sono pervenute all’amministrazione comunale segnalazioni e lamentele di cittadini, che si sono visti arrivare solleciti al pagamento di bollette, in reatà già messe in regola da tempo. I cittadini, bollettini di pagamento alla mano, sono pronti a dimostrare la loro legittimità. Il sindaco Sapia e l’assessore Salamone hanno invitato la Censum a verificare, in tempi brevissimi, le posizioni  di regolarità di pagamento, dei cittadini a cui è arrivata l’ingiunzione. I due ammiinistratori hanno anche chiesto, formalmente, all’Ufficio Tributo del comune castelterminese, un’indagine interna, così da evitare il rischio di appropriazione indebita e di altro eventuale reato. L’amministrazione castelterminese ha anche sollecitato un incontro con i verti ci Censum, così da discutere sul problema.

“Sono arrivate ingiunzioni decisamente esose – dice il sindaco Sapia –  che lasciano perplessa l’intera comunità locale. Ci stiamo attivando affinchè il problema rientri, per questo, a giorni, avremo un incontro con chi di competenza, così da fare in modo che l’urgenza rientri”.