POLITICA. Pd Agrigento verso il congresso, protesta del circolo di Bivona

Francesco Arpa, giovane dirigente del Pd di Bivona, invia un “documento di protesta” approvato durante l’assemblea del  circolo democratico bivonese.

Ecco il testo: “Constata la pura funzione di ratifica degli adempimenti cui è chiamata, in forza di decisioni assunte in altra sede ed imposte alla base del partito, come si evince anche dalle notizie apparse sugli organi di informazione, annullando così qualsiasi possibilità di reale partecipazione e di scelta libera e democratica.

Denuncia il perpetuarsi di atti che bloccano la vita del partito, impediscono il dibattito interno, non consentono il dialogo ed il confronto con la società civile, ostacolano la possibilità di acquisizione di nuovo consenso, a fronte di prove elettorali disastrose e dell’inerzia degli organi provinciali in carica, di cui si chiede la riconferma senza consentire alcuna possibilità di valutazione e giudizio.

Sottolinea che così si sancisce la morte del Partito Democratico in provincia di Agrigento, ridotto a puro strumento di conservazione di potere oligarchico; si blocca la sua azione di forza democratica per la liberazione e la crescita civile, sociale ed economica della nostra gente; si indebolisce la fiducia e la speranza di chi ha condiviso gli ideali ed i valori di questo partito ed in esso vuole continuare ad operare;

Chiede pertanto alla segreteria nazionale ed a quella regionale di valutare la validità non solo formale e regolamentare, ma sostanziale, democratica e politica, del congresso in atto e di intervenire in conseguenza”.