LAMPEDUSA. Sequestrate dai finanzieri due anfore di epoca romana a un professionista

I finanzieri della brigata di Lampedusa hanno sequestrato due anfore di presumibile epoca romana.

Erano nascoste nello studio di un professionista del luogo, G.M. le iniziaili. Il sequestro è stato operato nel corso di una autonoma attività di polizia tributaria durante la quale sono stati notati i due reperti avvolti da diversi teli plastificati.

L’esame più accurato ha infine consentito di appurare che si tratta di due antiche anfore romane, già recuperate in mare, per le quali il professionista non è stato in grado di esibire la relativa idonea documentazione legittimante il titolo del possesso.  Le due anfore detenute dal professionista sono state quindi  indebitamente sottratte al patrimonio archeologico nazionale ed il responsabile è stato denunciato a piede libero presso la Procura della Repubblica di Agrigento, per il reato di illecito impossessamento di beni culturali appartenenti allo Stato, previsto dall’apposita normativa a tutela dei beni archeologici.