VIABILITA’. La Provincia di Agrigento interviene per migliorare la viabilità provinciale

Il miglioramento della viabilità Provinciale rimane uno degli obiettivi prioritari dell’azione politica del Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi.

In tale direzione prosegue senza sosta l’impegno dell’Ente per rendere più sicure e transitabili le strade di propria competenza. E’ l’assessore ai LL.PP. Angelo Biondi a dare comunicazione di una prossima tornata di gare che interesserà la rete viaria secondaria della viabilità patrimoniale intercomunale, rurale ex consortile ed ex regionali della nostra Provincia. Gli interventi interesseranno i comuni di Grotte, Palma di Montechiaro, Campobello di Licata, avara, Licata, Ravanusa, Aragona,. Altri lavori che riguardano altri comuni della provincia saranno a breve interessati da bandi di gara per migliorarne la viabilità.

Nello specifico, entro il mese di dicembre, saranno appaltati i lavori per il ripristino e l’eliminazione delle condizioni di pericolo delle strade: s.p.c.72, Monte Pennica-Villaggio Masaniello, in territorio di Grotte; s.p.c.62, SS.115 Strolongo-Tomazzo; s.p.c. 63, Palma di Montechiaro-Ragusetta-Saladino; s.p.r. 64, Campobello di Licata-Quota 284-SS123; s.p.c. 55, dalla SP 10 alla SS 644 in territorio di Campobello di Licata; S.P.  n. 3 ” ragona Caldare – Favara”; S.P. n. 16 “Monte Masaniello“; S.P. n. 6, Licata (SS115)- Ravanusa; S.P. n. 7, Licata (SS115)- Riesi; S.P. n. 9 “Ravanusa –  Fiume Salso”; S.P. n. 10 ” Campobello di Licata – Fiume Salso; “Quattro Strade – Palamenca”;  “strada turistica Le Dune”; “strada interpoderale  Capo San Vincenzo”; “Intercomunale Aragona-Montagna Mintini”; “strada esterna Rovereto”; “strada esterna Cianciaramito-Ravanusa”; “strada di collegamento delle S.P. 51 e S.P. 16”; “strada esterna Ravanusa-Roba De Luca”.

Inoltre a breve saranno consegnati i lavori per la Manutenzione Straordinaria della S.P. n.16,  Grotte – Firrio Cannatello alla SS 189 per un importo complessivo di €.2.150.000,00.

VIABILITA’. Emergenza strade dalla valle del Platani ai monti Sicani, protesta di sindaci e consiglieri