INTIMIDAZIONI. Ribera, Consiglio straordinario di solidarietà al presidente D’Orsi

Seduta straordinaria ieri del Consiglio Comunale di  Ribera per esprimere solidarietà al presidente della Provincia Eugenio D’Orsi coplito dall’ennesima intimidazione.

A prendere parte ai lavori i Sindaci, Presidenti del Consiglio e Consiglieri del comprensorio saccense  che  si sono riuniti per manifestare solidarietà al Presidente della Provincia Regionale di Agrigento Eugenio D’Orsi dopo il  grave atto  intimidatorio degli ultimi giorni.

All’appello del Presidente del Consiglio  Comunale Turturici hanno risposto anche gli Onorevoli Giuseppe Ruvolo, Salvatore Cascio e  Giovanni Manzullo ed i Consiglieri Provinciali Matteo Ruvolo, Pellegrino Quartararo e  Totò Scozzari.

“Ringrazio il presidente del Consiglio Comunale Turturici e tutti i consigliere per aver manifestato questa sensibilità nel convocare questo Consiglio straordinario – dichiara il Sindaco di Ribera Carmelo Pace –  ci auguriamo che i lavori  di questa sera facciano da apripista a forti segnali di solidarietà fattiva nei confronti di una persona perbene, di un Presidente che opera nella legalità. Condanniamo questi atti criminali  certi che lui continuerà a lavorare come ha sempre fatto  con la schiena dritta e la testa alta”.

Grato riconoscente e rinfrancato – ha debuttato D’Orsi – io mi sento un educatore un uomo che crede nella scuola e nei compiti che la scuola ha nel territorio e nella società. Credo nella scuola quale motore propulsore di un’ attività che migliori la qualità della vita di ciascuno di noi e soprattutto dei giovani che si  preparano alle sfide del   futuro;   i cittadini del  domani,  a cui  chiedo di impegnarsi  ed   eliminare gli  errori che hanno caratterizzato il nostro passato e superare l’indifferenza che regna in questa provincia.

Questo territorio  ha bisogno di  segnali  forti,   di respirare legalità, di respirare onestà , di respirare tutte quelle sensazioni che consentono alle persone che lavorano con onestà e trasparenza  di non camminare con la scorta. Io desidero – conclude il Presidente D’Orsi- polso forte ed una perentoria condanna  che non si fermi solo nel territorio  ma che giunga a Roma”.

Alla fine dei lavori  il Presidente del Consiglio Comunale di Ribera Turturici ha dato lettura del documento approvato dal Consiglio: 

“Condanniamo il vile atto intimidatorio subito dal Presidente della Provincia Eugenio D’ Orsi. Il vile e barbaro attentato al Presidente suona come una drammatica conferma della qualità e della quantità dell’impegno profuso dall’ Amministrazione provinciale e dal suo Presidente per l’affermazione dei principi di legalità e di trasparenza contro ogni forma di criminalità.

L’intero territorio,  le istituzioni e le forze politiche nella sua interezza auspicano che le forze dell’ordine e l’autorità giudiziaria a cui va l’apprezzamento ed il sostegno di tutte le persone per bene possano presto far luce su questo ignobile episodio, restituendo serenità alla collettività.

Concludiamo con la certezza che  il vile gesto non scalfirà minimamente la determinazione del Presidente che andrà avanti nella strada della correttezza e della legalità potendo contare sul nostro sostegno e sulla nostra incondizionata solidarietà” .  

Articoli correlati…

INTIMIDAZIONI. Ribera, Consiglio straordinario di solidarietà al presidente D’Orsi

POLITICA. D’Orsi infuriato col ministro Alfano: ‘Mi fa rispondere dai suoi killer’

INTIMIDAZIONI. D’Orsi amareggiato: sono stato lasciato solo da cittadini e parlamentari