SANTO STEFANO QUISQUINA. Al via i progetti di servizio civico, a lavoro 40 disoccupati

E’ partita l’attività del servizio civico comunale destinato a disoccupati bisognosi. Le istanze dovranno essere presentate entro il 2 febbraio 2011.

  Gli operatori saranno impegnati nella pulizia delle strade, assistenza al trasporto scolastico, accoglienza scolastica, assistenza disabili e ogni altra attività socialmente utile a supporto delle esigenze dell’amministrazione e degli uffici comunali. In tutto saranno quaranta le persone che accederanno al servizio civico in quattro turni di tre mesi con una corresponsione di 400 euro. Il primo  turno inizierà nel mese di febbraio. L’amministrazione comunale – spiega in una nota – intende assicurare una dignitosa condizione di vita agli adulti disoccupati che versano in particolare situazione di disagio economico e di esclusione sociale. “L’avvio del servizio civico  – dichiara il sindaco Stefano Leto Barone – costituisce un ulteriore tassello del mosaico occupazionale che l’Amministrazione Comunale sta realizzando e che porta a circa 190 le opportunità occupazionali a Santo Stefano Quisquina. I 40 operatori del servizio civico vanno ad aggiungersi ai 20 fruitori delle borse di lavoro adulti, agli 8 operatori  delle borse lavoro per disabili, ai 94 operatori dei cantieri di lavoro, ai 9 operatori del servizio di assistenza domiciliare agli anziani, ai 20 lavoratori utilizzati dalle imprese che stanno realizzando opere pubbliche nel territorio”.