VITTIME DI MAFIA. Sant’Angelo Muxaro, Sonia Alfano ricorda i fratelli Vaccaro Notte

SANT’ANGELO MUXARO. “C’è un solo modo per onorare la memoria delle vittime di mafia: garantire giustizia ai familiari e tentare di cambiare il sistema che ha portato al massacro di centinaia di innocenti. Salvatore Vaccaro Notte rappresenta quella parte di Sicilia che si oppone al cancro mafioso con onestà e caparbietà”.

Lo afferma in una nota l’europarlamentare di Idv Sonia Alfano, presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia  ricordando l’undicesimo anniversario dell’uccisione di Salvatore Vaccaro Notte, eseguita a Sant’Angelo Muxaro il 5 febbraio del 2000 dopo l’assassinio del fratello Vincenzo Vaccaro Notte commesso il 3 novembre 1999. “Nonostante suo fratello Vincenzo fosse stato assassinato pochi mesi prima, Salvatore continuò a rifiutare il compromesso mafioso, firmando la propria condanna a morte. Lo Stato, oggi, per onorarne la memoria, deve tutelare chi denuncia. Invece – sostiene Sonia Alfano – troppi imprenditori e commercianti che non si piegano alle minacce e alle intimidazioni dei clan, sono abbandonati al proprio destino”. “Ad Angelo, fratello di Vincenzo e Salvatore Vaccaro Notte, le cui denunce hanno portato all’arresto di noti mafiosi latitanti, alla scoperta di traffici di armi e droga, di appalti pilotati e corruzione politica, in un giorno che evoca tremendi ricordi esprimo la mia solidarietà e la mia più profonda gratitudine per il prezioso contributo dato alla giustizia” conclude Alfano.