AGRIGENTO. Sportello antiracket, Forza Nuova: ‘Offriamo i nostri locali’

La federazione provinciale di Forza Nuova Agrigento interviene così sull’ “impossibilità” dell’apertura di uno sportello antiracket e antiusura in via XXV aprile –  progetto che ha visto quale coraggioso  promotore Ignazio Cutrò con “Libere Terre”e Confartigianato  – per la difesa di tutti quei commercianti che da sempre sopportano, nell’ indifferenza  generale, il parassitismo e le intimidazioni di mafiosi e usurai.

Rispondendo al rifiuto dei condomini dello stabile prescelto dai promotori, la comunità militante forzanovista agrigentina,   con il  responsabile Francesco Trupia, propone una soluzione semplice e immediata: “Di fronte alla comprensibile, ma non accettabile, paura dei condomini e al silenzio di partiti e istituzioni sulla vicenda, che aggrava ancor di più la situazione, il nostro movimento , che da anni lotta contro ogni tipo di mafia e malaffare, offre la disponibilità gratuita dei locali della propria sede provinciale di via Cicerone, poco distanti da quelli di Via XXV Aprile,  a Cutrò , Confartigianato e alle altre organizzazioni impegnate in una battaglia che condividiamo”  .

Trupia  conclude: “Forza Nuova sente il preciso dovere    in quanto movimento di popolo che crede nei valori della vera lotta alla mafia, diversi da quelli di  certi politici che, spesso, al di là delle parole, sono i primi ad essere collusi con i poteri mafiosi della nostra provincia    di dare un forte segnale di coraggio e di rinascita  ad una città sempre più sorda nei momenti in cui c’è da lottare veramente contro uno dei  mali  più gravi e incapacitanti che impedisce il sano sviluppo del nostro territorio”.