DONNE E DIRITTI. ‘Se non ora quando’, l’onda rosa ‘invade’ anche Agrigento

“Una straordinaria ed entusiasmante partecipazione della cittadinanza ha gratificato l’iniziativa ‘se non Ora quando? Agrigento’”.

Questo il commento di Epifanio Bellini, coordinatore del movimento agrigentino “Se non ora quando?”, a margine della manifestazione tenutasi sabato pomeriggio nei giardini di Porta di Ponte

“La manifestazione che a livello nazionale ha fatto scendere in 230 piazze italiane oltre a numerose estere più di un milione di  persone, ad Agrigento, ha registrato la presenza di numerose donne e uomini (senza bandiere  e simboli di appartenenza), animati dalla voglia di esserci e testimoniare la loro indignazione verso la degradante rappresentazione del ruolo della donna nella società che ci viene  consegnato dalle cronache.

Episodi gravi che fanno emergere una diffusa rappresentazione della donna nell’immaginario collettivo, basata solo sull’apparenza fisica e sulla disponibilità a concedersi al potente di turno  in sfregio alla professionalità e alla preparazione che la stragrande maggioranza di loro testimonia ogni giorno in silenzio nelle scuole e nelle università, nei sindacati e nella politica, in casa come ne luogo di lavoro.

La manifestazione con la testimonianza di tantissime donne  molte giovanissime, ha ribadito con forza che questo modello culturale non ci rappresenta ed è arrivato il momento di ribadirlo con forza.

Il coordinamento “se non Ora quando? Agrigento” ringraziando tutti i partecipanti per la presenza e l’entusiasmo dimostrato, ritiene che questa esperienza unitaria delle forze democratiche della città sia da sviluppare e trovi ulteriori momenti di elaborazione e di attività per l’intera collettività cittadina”.