Vittorio Messina riconfermato presidente della Camera di commercio di Agrigento

Vittorio Messina è stato confermato presidente della Camera di commercio di Agrigento per il prossimo quinquennio. Ad eleggerlo è stato il nuovo consiglio camerale che si è riunito questa mattina nella città della Valle dei Templi.

 “Porgo a Vittorio Messina le mie congratulazione e un sincero augurio di buon lavoro per la riconferma alla guida della Camera di Commercio di Agrigento”, commenta il presidente di Unioncamere Sicilia, Giuseppe Pace. “La sua rielezione – aggiunge Pace – dimostra che in questi anni Messina ha lavorato bene prodigandosi per lo sviluppo del tessuto imprenditoriale di Agrigento”. A complimentarsi con Messina è anche il segretario generale di Unioncamere Sicilia, Alessandro Alfano. “Voglio esprimere a Vittorio Messina – dice il segretario generale di Unioncamere Sicilia, Alessandro Alfano – le mie più sentite congratulazioni e i migliori auguri per il proseguimento del suo lavoro presso l’ente camerale di Agrigento. Sono certo –conclude Alfano- che le capacità professionali e le doti umane di Messina continueranno ad arricchire il mondo delle imprese agrigentine e accompagnandole in un cammino virtuoso che porta dritto verso lo sviluppo di una terra che ha ancora tante potenzialità da esprimere”.

La vicepresidente di Confindustria Agrigento, Piera Graceffa, è intervenuta in merito alla riconferma del presidente Messina. “Apprendiamo con favore la rielezione di Vittorio Messina alla presidenza della Camera di Commercio di Agrigento – scrive in una nota -. La fiducia confermata dà risalto all’ottimo lavoro fin qui svolto e il forte impegno manifestato per lo sviluppo della nostra provincia. Auguriamo al Messina -conclude la Graceffa – di poter proseguire con rinnovato slancio il lavoro intrapreso anche attraverso la collaborazione con la nostra associazione già più’ volte sperimentata positivamente”.

Questo invece il commento del sindaco di Agrigento Marco Zambuto:  “La rielezione di Vittorio Messina quale Presidente della camera di commercio della provincia di Agrigento se, da un lato, manifesta una rinnovata fiducia a chi, nel precedente mandato, ha svolto tale ruolo con correttezza e scrupolo, costituisce, dall’altro, un investimento per il prossimo futuro da parte di quei rappresentanti delle forze produttive che lo hanno unanimemente ancora voluto.

Per parte nostra – scrive Zambuto – ci sentiamo di sottolineare la sua positiva azione svolta in nome di una classe imprenditoriale locale che, nonostante i gravi ritardi infrastrutturali, crede ancora possibile investire in questo territorio per il suo sviluppo. Per questo non faremo mancare la disponibilità dell’amministrazione comunale, specialmente nel campo dell’erogazione dei servizi, a favore delle imprese presenti nel nostro territorio.  Nell’attuale momento che vede avviarsi ancora imprecisate forme di federalismo, diventa fondamentale il ruolo che dovranno svolgere le forze economiche in collaborazione con gli enti locali che, quali diretti rappresentanti dei cittadini, hanno il primario obiettivo di assicurare alle comunità amministrate sviluppo economico, progresso sociale e migliore qualità della vita”.

Soddisfatto anche l’europarlamentare agrigentino del Pdl Salvatore Iacolino: “La conferma di Vittorio Messina quale presidente della Camera di Commercio garantisce continuità ad un percorso positivo che dovrà essere potenziato attraverso una rafforzata cooperazione con il mondo produttivo, istituzionale e con quello degli Enti locali”, afferma l’europarlamentare Iacolino.

“Il federalismo municipale e fiscale – continua Iacolino –  impone strategie e indirizzi politici sul territorio che siano strettamente collegati alle aspettative dei cittadini e dell’economia.  Sono convinto che le iniziative che porterà proficuamente avanti il presidente Messina, unitamente al Consiglio camerale, saranno il frutto di valutazioni realmente rispondenti alle esigenze della provincia di Agrigento.

Auspico ancora che le amministrazioni locali e la Provincia sappiano sostenere  un percorso naturalmente rivolto ad assicurare i servizi reali a sostegno delle piccole e medie imprese e del tessuto produttivo più in generale per rilanciare competitività e sviluppo economico nel nostro territorio. Resto a disposizione – conclude l’europarlamentare – per assistere una rinnovata cultura progettuale del mondo produttivo per cogliere le numerose progettualità che l’Unione Europea offre alla intraprendente e responsabile iniziativa economica pubblica e privata”.