Legalità, ad Agrigento convegno con Rita Borsellino

La sala Conferenze della Provincia Regionale di Agrigento ha ospitato ieri un incontro con l’Europarlamentare Rita Borsellino per un progetto di educazione alla legalità promosso dalla scuola media “Pirandello” di Agrigento.

 

A fare gli “onori” di casa il Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi che non ha voluto perdere l’occasione per lanciare ai ragazzi un messaggio forte di speranza sostenendo che la mafia è l’ incapacità dell’uomo di saper cambiare  e che “bisogna  saper reagire con una rivoluzione morale e culturale per poter cambiare il volto della nostra provincia. L’onorevole Borsellino – ha continuato-  non è venuta ad Agrigento per sentire parlare di chi era suo fratello;  É venuta qui per capire se la morte di Paolo Borsellino , di Giovanni Falcone e delle tante vittime di mafia  siano servite da esempio ad una società desiderosa di cambiare.”

E la speranza di cambiamento il Presidente D’Orsi la pone su una scuola “forte, capace e recettiva” che riesce a fare propri questi  messaggi  allora  “solo così si può sperare di cambiare”.

Un incontro estremamente interessante,  ha commentato l’Europarlamentare Rita Borsellino da sempre disponibile ad un confronto costruttivo con i giovani: “Sono gli incontri che preferisco,   le antepongo a qualunque altra cosa” .

L’attenzione della Borsellino è focalizzata sui giovani perchè “sono cittadini sensibili  che vivono le contraddizioni di questa società. Noi dobbiamo dargli tutti gli strumenti per cambiarla in meglio! Gli abbiamo fornito esempi sbagliati – continua la Borsellino –  ma anche dei punti di riferimento che devono conoscere per capire che non è tutto marcio  come oggi sembra , ma che ci sono stati  e ci sono persone che ci hanno indicato la strada da seguire” . 

Alla fine dell’incontro, il Presidente D’Orsi ha invitato  l’Europarlamentare Borsellino alla “Marcia della Legalità” che la Provincia sta organizzando e che, come lo scorso anno,  si svolgerà il 14 luglio a San Leone.