Agrigento, resoconto del Consiglio comunale di ieri sera

Trattati alcuni punti dell’ordine del giorno nel corso della seduta di ieri sera del Consiglio comunale. Il presidente Francesco Alfano, dopo aver chiamato l’appello all’orario stabilito, con 19 presenti, ha dichiarato aperta la seduta.

Pertanto, dopo le formalità di rito, ha comunicato che il punto riguardante “la gestione della farmacia comunale con la costituzione della società a responsabilità limitata ed approvazione dello statuto ed atti connessi” non può essere posto in discussione poiché il consulente, incaricato dall’amministrazione comunale, ha manifestato la volontà di partecipare ai lavori consiliari solo a fine mese e, pertanto, la presidenza, considerati i tempi notevolmente posticipati per l’approvazione, nella giornata di oggi, ha inviato una nota al Sindaco affinché solleciti il consulente a completare dell’iter procedurale dell’importante punto già da tempo iscritto all’ordine del giorno del consiglio comunale; il Presidente ha, altresì, stigmatizzato il fatto che, per quanto riguarda la composizione della nuova Giunta comunale, non ha ricevuto nessuna comunicazione ne verbale ne scritta per inserire il punto all’ordine del giorno. Infine, si è soffermato sulla situazione dell’Ente parco archeologico della Valle dei Templi annunciando, d’intesa con i capigruppo, la formulazione di un documento a sostegno del mantenimento dell’importante organismo gestionale. Fatte dette comunicazioni, il Presidente, ha letto i punti dell’ordine del giorno.

Quello relativo all’emergenza del centro storico resta mantenuto fino a quando non si saranno evidenti soluzioni alla complessa problematica che riguarda un gran numero di residenti. Detto della “gestione della farmacia comunale”, si è proceduto alla trattazione della “Relazione della commissione comunale “Bilancio” sugli oneri di urbanizzazione e costi di costruzione” a firma del consigliere Cirino. E’ stato lo stesso a relazione affermando che “la commissione ancora non ha ricevuto dall’ufficio comunale di Ragioneria i cespiti di entrata e di uscita necessari per stilare il bilancio di previsione 2011”. La commissione “Bilancio” ha, altresì, “ evidenziato un forte calo degli oneri di urbanizzazione pari a meno della metà di quelli incassati nell’esercizio precedente per l’ identico periodo”. Il consigliere Cirino nella relazione ha riferito che “il trend di definizione delle pratiche di sanatoria edilizia subirà una riduzione in quanto molte delle pratiche sono prive del parere della commissione edilizia obbligatorio ma non vincolante con conseguente perdita di tempo per il mancato rinnovo della stessa anche se successivamente una normativa ha abrogato la commissione e l’ufficio, pertanto, ha dovuto riprendere l’esame delle pratiche inevase. Il dirigente, inoltre, ha tracciato un quadro deficitario in merito alla organizzazione degli uffici che ha creato un rallentamento degli esiti istruttori. Quindi, alla luce di queste criticità,  è possibile una riduzione di due milioni di euro rispetto ad un ulteriore mancato incasso dello scorso anno”.

Subito dopo il consigliere Calabrese ha sottolineato che “la mancata presentazione, da parte del Sindaco, della nuova Giunta è una mancanza di rispetto nei confronti dell’intero Consiglio”. Il consigliere si è soffermato sull’avviso di vendita di alcuni immobili comunali dichiarando che  “sicuramente le somme previste coprono quelle non introitate dal settore Urbanistica”. Dopo è stato il consigliere Marchetta a prendere la parola soffermandosi sulla situazione finanziaria: “ bisogna fare chiarezza sull’effettivo stato finanziario del nostro comune e i fatti ed i numeri dicono che c’è un rischio di ammanco – ha dichiarato. “Vista la puntuale ed attenta relazione della commissione invito l’Amministrazione a non impegnare ma a monitorare gli impegni di spesa poiché il Movimento per l’Autonomia non crede al risanamento. Pertanto, propongo un adeguato monitoraggio della spesa”. Dopo le analisi contabili e finanziarie, il consigliere De Francisci, ha chiesto il prelievo del punto riguardante l’ordine del giorno relativo all’ approfondimento “discussione in ordine alla nomina del componente del consiglio di amministrazione della fondazione “Teatro Pirandello – Valle dei templi” e futuro della stessa in ordine a programmazione e progettualità” a firma del consigliere De Francisci. Nel suo intervento, il citato consigliere ha affermato che “il Sindaco utilizza questa Fondazione  per nominare persone in palese contrasto con la normativa vigente.

Questa Amministrazione si è caratterizzata per l’utilizzo di risorse finanziarie per feste di poca rilevanza e la nomina del vice sindaco Muglia, in seno al consiglio di amministrazione della Fondazione è incompatibile secondo lo statuto comunale. Pertanto – ha continuato De Francisci,  il Consiglio comunale deve  far luce su questo organismo ed evidenziare la palese incompatibilità del vice sindaco”. Subito dopo il consigliere Arnone nel prendere la parola ha sottolineato che “la battaglia politica non dovrebbe nutrirsi di fatti trasversali. Non gradisco che si attacchi il vice sindaco Muglia e non mi pare che nella sua nomina ci siano nomine di “tavulino”. Pertanto, sotto il profilo della legittimità, mi pare corretta”. Dopo tale intervento il consigliere De Francisci ha chiesto un parere al Segretario generale per la eventuale incompatibilità del vice sindaco Muglia; altro punto in discussione è stato quello relativo alla “manutenzione ordinaria e straordinaria del pontile comunale di San Leone” a firma del consigliere Cirino. Lo stesso nel relazione ha affermato che “i diportisti pagano un canone per la manutenzione ma a partire dal prossimo settembre non sarà più rinnovata la concessione per inerzia dell’amministrazione comunale”.

Dopo l’intervento di Cirino, il vice sindaco Muglia ha comunicato che “nella prossima seduta di Consiglio, la nuova Giunta comunale sarà presentata e che l’assenza dell’Esecutivo è imputabile al fatto che ancora non sono state attribuite le deleghe”. Sul pontile la discussione è stata ripresa dal consigliere Raccuia che ha sottolineato che “nella conferenza dei capigruppo bisogna affrontare la questione”; anche De Francisci ha evidenziato che “il pontile da reddito al Comune ma per una inerzia la concessione rischia di essere annullata”. Per l’Amministrazione comunale, il vice sindaco Muglia ha chiesto il rinvio del punto per approfondirlo e tale indicazione è stata votata a maggioranza con  17 voti favorevoli e uno astenuto; subito dopo, il consigliere Arnone ha chiesto il rinvio della seduta, a giovedì 21 luglio con inizio dei lavori alle ore 19.30, con contestuale trattazione del punto riguardante “lo stato dell’iter per la realizzazione della nuova rete idrica, anche con riferimento a quanto accertato dagli uffici comunali in ordine alle procedure di affidamento dei lavori e ai tempi di apertura del cantiere” a firma dello stesso consigliere.

Tale indicazione è stata votata all’unanimità dei presenti. Infime, prima della chiusura della seduta, da annotare una comunicazione alla presidenza da parte del consigliere Miccichè che ha evidenziato “le tante carenze dell’amministrazione come lo stato di abbandono e di sporcizia del viale delle Dune che da un immagine del disastro più assoluto di questa gestione politica o le acque poco cristalline del mare di San Leone” Miccichè ha pertanto chiesto la convocazione di una seduta del consiglio comunale appositamente dedicata ed aperta a tutte le componenti degli ATO idrico e igiene ambientale.