Operazione ‘Used cars’ delle fiamme gialle di Agrigento

Non presentavano le dichiarazioni Iva e dei redditi ma sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Agrigento con l’operazione “Used cars”. Eseguite quattro verifiche fiscali nei confronti di altrettanti operatori economici operanti nel settore del commercio delle auto usate. Recuperata a tassazione base imponibile per euro 6.728.000,00 ed iva pari ad euro 2.237.000,00.

 

I militari della compagnia della Guardia di finanza di Sciacca, coordinati dal comandante provinciale delle Fiamme gialle di Agrigento, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare reale del sequestro preventivo finalizzato alla confisca, emessa dal Gip del Tribunale di Sciacca, con cui è stato disposto il sequestro per equivalente di beni mobili ed immobili fino alla concorrenza dell’importo di € 570.000,00.

L’operazione di servizio ha permesso di sequestrare un appartamento di mq 110; Una villetta in costruzione di mq 220; Uno scantinato di mq 300; Un appezzamento di terreno di mq  1.567. Le verifiche fiscali eseguite, anche con l’ausilio di accertamenti bancari disposti dal comandante regionale Sicilia della Guardia di finanza, hanno permesso di accertare che le imprese sottoposte a controllo omettevano, sistematicamente, il rilascio delle fatture e, quindi, le dichiarazioni di proventi al fisco. In taluni casi, venivano, addirittura, omesse le presentazioni delle dichiarazioni iva e dei redditi.  La complessa attività di ricostruzione delle componenti di reddito non dichiarati, permetteva di segnalare, alla competente agenzia delle entrate di Sciacca: Elementi positivi di reddito non dichiarati pari a complessivi €  6.728.000,00; Elementi positivi di reddito non registrati pari a complessivi € 126.000,00; Iva dovuta pari a complessivi € 1.020.000,00; Iva relativa pari a complessivi € 1.217.000,00.

È stata segnalata, altresì, all’assessorato Bilancio e finanza della Regione Sicilia, una base imponibile Irap sottratta a tassazione pari a complessivi € 6.728.000,00. A conclusione delle attività di verifica venivano denunciati, alla Procura della Repubblica di Sciacca, i responsabili di due ditte individuali e di una società per violazione degli artt. 4 e 5 del d.lgs. 74/2000.