Cattolica Eraclea, in aumento i giovani donatori di sangue

Continua a crescere la voglia di donazioni di sangue. Sono una quarantina  in più rispetto allo scorso anno i donatori dell’Avis di Cattolica Eraclea, presieduta dal dottor Alfonso Trizzino, che organizza iniziative di solidarietà gite sociali e giornate di volontariato quasi una volta ogni due mesi per coinvolgere e sensibilizzare il maggior numero possibile di persone.

In aumento anche il numero dei giovani tra gli oltre duecento donatori volontari dell’Avis cattolicese. Sulle cinquanta persone che domenica scorsa hanno fatto il prelievo nella sede dell’Avis cattolicese la metà erano giovani fino ai trentacinque anni. Cinque erano le new entry che hanno donato per la prima volta il loro sangue. “Per me è stata la prima volta di donazione del sangue e continuerò a farlo altre volte per aiutare chi ne ha bisogno per le cure”, ha detto contenta Valeria Tutino, giovane ingegnere cattolicese.

“La donazione del sangue – ricorda  il presidente Alfonso Trizzino – è un gesto di solidarietà ma anche uno strumento di prevenzione per la propria salute. Siamo molto soddisfatti della crescita del numero volontari disposti a donare il sangue, segno che cresce lo spirito solidale a Cattolica Eraclea.“Ricordo a tutti  – ha aggiunto Trizzino – che c’è sempre maggiore bisogno di donatori, perché il fabbisogno di sangue non si verifica solamente in presenza di condizioni o eventi eccezionali quali terremoti, disastri o incidenti, o durante interventi chirurgici, ma anche nella cura di malattie gravi quali tumori, leucemie, anemie croniche, trapianti di organi e tessuti”. Chi vuole diventare donatore di sangue può recarsi presso una sede Avis o un servizio trasfusionale dell’ospedale della propria città. Accertata l’idoneità il nuovo donatore verrà invitato ad effettuare la prima donazione. Tutte le informazioni sul sito www.avis.it.